​La Ue all'Italia: non perdere tempo, il percorso sia credibile. Tria domani all'Eurogruppo

Mercoledì 12 Giugno 2019
1
​La Ue all'Italia: non perdere tempo, il percorso sia credibile. Tria domani all'Eurogruppo

Il conto alla rovescia verso la possibile apertura della procedura contro l'Italia per debito eccessivo è partito, e il commissario Pierre Moscovici invita tutti a sincronizzare gli orologi. «Non perdiamo tempo», avverte alla vigilia di un nuovo incontro con il ministro dell'Economia Giovanni Tria all'Eurogruppo di Lussemburgo. Con il percorso formale della procedura ormai avviato, c'è tempo fino all'8 luglio per evitare che i ministri dell'Economia dell'Eurozona premano il grilletto condannando l'Italia a un percorso forzato di riduzione del suo debito. Ma per Bruxelles è tempo che il Governo metta sul tavolo qualcosa, possibilmente impegni scritti e non solo promesse di nuovi dati da presentare tra qualche settimana. «Ho detto che la mia porta è sempre aperta per discutere con le autorità italiane, questo non cambia», ma «non perdiamo tempo», ha avvertito Moscovici, ricordando che «la palla è ora nel campo italiano».

Bruxelles vuole «vedere un percorso credibile» di riduzione del debito «per il 2019 e il 2020», e il commissario ribadisce che «restiamo pronti a prendere in considerazione ogni elemento che l'Italia potrà presentare». Ma non è un modo per concedere più tempo al Governo per decidere sul da farsi, perché ormai l'iter è avviato: «Stiamo procedendo con i necessari passi procedurali, né più né meno», ha spiegato il francese. Ricordando che gli sherpa di Eurogruppo ed Ecofin, riuniti nell'Efc, «hanno adottato un'opinione che sostiene pienamente le conclusioni della Commissione».

L'Efc ha in effetti utilizzato le stesse parole della Commissione, evidenziando che «il criterio del debito non è rispettato» e invitando l'Italia «a prendere le misure necessarie per assicurare il rispetto delle indicazioni del Patto di Stabilità in conformità con il processo della procedura EDP», ovvero la procedura per debito eccessivo. È un modo per ricordare che quel processo è ormai partito, e sta all'Italia fermarlo. Tanto che gli sherpa aprono agli «altri elementi» che l'Italia potrebbe presentare, e che «potranno essere presi in esame» per scongiurare la procedura. Anche l'Eurogruppo, sottolinea Moscovici, darà un parere sul caso Italia. Con una «presa d'atto della situazione», e un appoggio alla valutazione sul debito.

Una volta avuto anche il sostegno politico dei ministri, la Commissione è pronta ad adottare la sua raccomandazione che aprirà formalmente la procedura. Potrebbe farlo uno dei prossimi mercoledì, entro l'8 luglio, per mettere il Consiglio Ecofin nelle condizioni «di prendere le necessarie decisioni come scritto nel Trattato». Il Consiglio, ha spiegato, deve prendere una decisione entro fine luglio, come prevedono le regole. «Andare più rapidamente sarebbe preferibile», ha però aggiunto Moscovici. Che ripete l'avvertimento: «Siamo impegnati ad applicare in modo intelligente le regole di bilancio, perché è il modo in cui ci siamo mossi nel nostro mandato, ma nessuno deve avere dubbi che applicheremo quelle regole se i criteri non saranno rispettati».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

I lucchetti di Ponte Milvio si aprono con le chiavi di Villa Pamphili

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma