COVID

Toti su Twitter: «Anziani non sono indispensabili». Bufera social, poi le scuse: «Non volevo offendere»

Domenica 1 Novembre 2020
13
Toti su Twitter: «Anziani non indispensabili». Bufera social, poi le scuse: «Non volevo offendere»

Una frase «mal scritta da un collaboratore» in un tweet sugli anziani vittime del Covid 19, «non più indispensabili per lo sforzo produttivo» ha scatenato una bufera sul presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. Il governatore è stato sommerso dalla critiche di politici e sindacati e ha ricevuto centinaia di post infuriati dai lettori. Voleva suggerire come allentare la pressione sugli ospedali, «intervenendo sugli anziani», senza ricorrere a «un lockdown generale», concetto già espresso nei giorni scorsi, ma l'effetto non è stato quello voluto. La frase 'mal scrittà che ha fatto al volo il giro della rete recita: «Per quanto ci addolori ogni singola vittima del Covid19, dobbiamo tenere conto di questo dato: solo ieri tra i 25 decessi della Liguria, 22 erano pazienti molto anziani. Persone per lo più in pensione, non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese che vanno però tutelate».

In prima linea, tra gli indignati, i partiti di governo (e di opposizione in Liguria), ma anche l'alleato Matteo Salvini è rimasto sorpreso ed è intervenuto, senza citare Toti, per rimarcare che «i nostri genitori e i nostri nonni, con il loro lavoro, la loro passione e il loro sacrificio hanno cresciuto, difeso e reso grandi noi e l'Italia. Doveroso tutelarli e proteggerli, obbligatorio rispettarli e onorarli». In piena bufera, il presidente si è scusato e ha detto di essere stato frainteso. Ha quindi chiarito: «sarebbe folle richiudere in casa tanti italiani per cui il Covid normalmente ha esiti lievi, bloccare la produzione del Paese, fermare la scuola e il futuro dei nostri giovani e non considerare alcun intervento su coloro che rischiano davvero». Ma le critiche avevano già inondato la rete. «Soltanto i deliri totalitari misurano le vite umane in ragione del contributo che possono dare allo sforzo produttivo del Paese» ha detto il vice segretario del Pd Andrea Orlando. «E' anche difficile trovare le parole giuste per commentare il tweet di Giovanni Toti - ha scritto il deputato Luca Pstorino -. Mi ha fatto venire un brivido lungo la schiena e ho subito pensato ai 'lavoratori necessarì del film Schindler's List».

Toti e gli «anziani morti di Covid non indispensabili». Ira Lucarelli

 

 

«Le affermazioni con cui Toti minimizza la tragicità delle morti da Covid in Liguria sono così discriminatorie da essere orripilanti» ha detto la deputata Raffaella Paita. A quel punto Toti è di nuovo intervenuto sui social. «Cari amici, sta girando un mio tweet su cui vorrei chiarire due concetti e, innanzitutto, chiedere scusa se ha offeso qualcuno poiché non rappresenta minimamente il mio pensiero». In difesa di Toti sono intervenuti gli alleati di Liguria Popolare e il suo movimento Cambiamo!. Hanno criticato «una certa area politica» per «polemiche strumentali anche quando c'è da trovare una soluzione per il bene del Paese come in questo momento cosi delicato. Il senso delle parole del presidente Toti è chiaro, la sua proposta non è una mortificazione per le persone più anziane come qualcuno vuole far pensare, ma una analisi obiettiva sui numeri reali che ci dicono che se tuteliamo e proteggiamo le fasce più deboli evitiamo un'altra chiusura nazionale». In serata, Toti ha svelato l'arcano. La colpa è di un collaboratore, ha detto: «Mi assumo sempre la piena responsabilità delle mie idee e delle loro esplicitazioni e lo faccio anche in questo caso. Un mio precedente tweet, scritto in effetti malamente da un mio collaboratore, ha scatenato l'inferno. E' stata una cosa mal fatta. Mi dispiace e chiedo scusa, per me e per chi l'ha scritto».​

Lockdown, festa (proibita) in casa a Milano: venti denunciati per violazione delle norme anti-Covid

Covid in Campania: «Sono io la mamma del latte al plutonio. Niente sarcasmo, De Luca riapra le scuole»

Video

 

Ultimo aggiornamento: 2 Novembre, 07:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA