M5S

Roma e il debito
Sul blog i 5S scrivono:
non pagano i cittadini
ma le banche

Martedì 23 Aprile 2019
Virginia Raggi
ROMA «Tutta la verità sul 'Salva Romà: pagano le banche e ci guadagnano i cittadini». Titola così un post sul blog delle Stelle che entra a gamba tesa sul nuovo terreno di scontro di M5S e Lega, il cosiddetto 'Salva Romà che oggi dovrebbe trovare spazio sul tavolo del Cdm. «Sulla misura per tagliare il debito di Roma è arrivato - si legge nel post - il momento di fare un pò di chiarezza. Perché contestare questa norma significa far finta di non capire come stanno le cose, oppure - peggio - voler montare ad arte una polemica sulla pelle dei cittadini». «Partiamo dall'inizio: chi ha creato il buco mostruoso nei conti del comune di Roma? Risposta facile: tutti quelli che hanno preceduto Virginia Raggi. Destra e sinistra, nessuno escluso. Da Veltroni ad Alemanno (con l'appoggio di Giorgia Meloni) fino a Marino. Hanno lasciato ai romani la bellezza di 12 miliardi di euro di debito. Non solo. Nel 2008, il governo Berlusconi ha varato il cosiddetto 'Salva-Romà. Cioè ha avviato una gestione commissariale che prevede, ogni anno, la spesa di 500 milioni di euro l'anno di soldi pubblici. Per intenderci: ogni anno gli italiani pagano un pezzo del debito di Roma grazie alla legge fatta dal governo di centrodestra. Ora - spiega dunque il blog delle Stelle entrando nel vivo della misura - quello che vogliamo fare noi, è molto semplice: rinegoziare gli interessi del debito con le banche, in modo da risparmiare circa 2,5 miliardi di euro».
«Riepilogando - si legge ancora sul blog delle Stelle - la misura non è affatto 'Salva Romà. Casomai potrebbe essere chiamata 'Taglia Banchè perché taglia gli interessi bancari sui mutui per il debito pregresso. 2,5 miliardi di euro attualmente pagati da tutti gli italiani; Se c'è qualcuno che ci rimette sono solo le banche. Chi ci guadagna sono invece tutti i contribuenti italiani». «Da quando il MoVimento è in Campidoglio con Virginia Raggi - prosegue il post - il Comune di Roma non fa più debiti. La sindaca ha chiuso tre bilanci senza fare debiti e mantenendo i conti in ordine. Nessuno lo aveva fatto prima; l'unico vero 'Salva-Romà lo ha fatto nel 2008 il governo Lega-Berlusconi, con Alemanno sindaco. L'allora giovane deputato Matteo Salvini votò a favore; ovviamente i Comuni italiani non subiscono alcun danno da questa misura perché lo Stato non spende un euro in più, sono solo le banche a rimetterci».
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La Roma di Max Pezzali: questa città è difficile, ma ci vivrei

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma