Tav, Ue: «Ritardi? Potremmo chiedere indietro all'Italia fondi già versati»

Lunedì 4 Febbraio 2019
5
Tav, Bruxelles: «Se il ritardo dell'Italia continua, potremmo chiedere indietro i fondi»

«Se il ritardo dell'Italia continua, potremmo chiedere indietro i fondi». La Ue avverte Roma sulla Tav«Non possiamo escludere, se ci sono ritardi prolungati, di dover chiedere all'Italia i contributi già versati» per la Tav, oltre al «rischio che, se i fondi non sono impiegati, possano essere allocati ad altri progetti» europei, ha ricordato un portavoce della Commissione Ue, ribadendo la posizione sulle incertezze che gravano sulla realizzazione della Torino-Lione.

LEGGI ANCHE Il dossier nascosto che salva la Tav: dal gasolio al traffico, le motivazioni fragili sulla linea Torino-Lione

Arriva subito la replica del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli su Twitter: l'«Analisi costi benefici sulla Tav è stata decisa da un Governo sovrano che vuole spendere al meglio i fondi pubblici. Ue stia tranquilla, tra pochi giorni avrà, come da accordi, tutta la documentazione».
 


«La attuale analisi costi-benefici» su cui lavora il governo italiano «non è stata richiesta dalla Commissione», ha detto il portavoce, ricordando che già era stata presentata nel 2015. Parlando in particolare dell'analisi costi-benefici il portavoce ha spiegando che questa era già infatti stata presentata in modo congiunto da Italia e Francia nel 2015 e valutata positivamente dal board della Cef per l'attribuzione dei fondi. «Dobbiamo stare attenti ai ritardi che già ci sono a causa della sospensione degli appalti», ha detto il portavoce, ricordando che sono 813,8 milioni di euro i fondi Ue approvati e stanziati per la Tav. Finora Bruxelles non ha ricevuto alcuna comunicazione ufficiale da parte di Roma.

 

Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio, 08:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma