ELEZIONI REGIONALI 2020

Elezioni regionali, sondaggio Tecnè: le Marche verso destra, battaglia in Toscana

Martedì 1 Settembre 2020
Elezioni regionali, sondaggio Tecnè: Marche verso destra, battaglia in Toscana

Avanza il centrodestra. I sondaggi politici Tecnè per Quarta Repubblica sulle elezioni regionali 2020 del 20 e 21 settembre delineano questo scenario: il centrodestra parte in vantaggio 4-2, con ambizioni di arrivare al 5-1. In entrambi i casi sarebbe una spallata alla già traballante maggioranza al governo a Roma.
 

La regione blindata dal Pd appare solo la Campania, dove il governatore Vincenzo De Luca è dato tra il 45 e il 49% con buon vantaggio sul forzista Stefano Caldoro (33-37%). Nel resto delle regioni, al di là del feudo leghista del Veneto (Luca Zaia al 70%, senza rivali) e della Liguria (l'uscente Giovanni Toti vede la conferma tra il 53 e il 57%, con il giallorosso Sansa fermo tra 36 e 40%) si registrano appassionanti testa a testa con sorpasso incorporato. In Puglia Raffaele Fitto è tra 39 e 43%, il governatore uscente Michele Emiliano tra il 36 e il 40% (e le defezioni di M5s e Italia Viva pesano).

Regionali, incubo di settembre per M5S: «Finiremo sotto il 10%»

Referendum, il No di Prodi che smaschera ipocrisie e paure dei partiti

Ma è soprattutto nei due feudi rossi che si deciderà il bilancio di questa tornata che Matteo Salvini continua a ripetere di voler considerare «non politica ma amministrativa». Nelle Marche il meloniano Acquaroli, espressione del centrodestra, è davanti (43-47%) su Mangialardi del centrosinistra (35-39%) e il distacco è di fatto allargato dalla corsa separata del grillino Mercorelli. Battagli in Toscana: Giani è ancora in vantaggio (43-47%) ma di una incollatura sulla leghista Ceccardi (39-43%), e anche per questo nelle ultime settimane Salvini ha aumentato la sua campagna elettorale con incursioni sempre più frequenti. Si deciderà in volata.

Ultimo aggiornamento: 21:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA