Covid, nuovo Decreto: stretta seconde case e niente aperture, cosa cambia

Covid, nuovo Decreto: niente aperture e stretta sulle seconde case, cosa cambia
di Francesco Malfetano
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Febbraio 2021, 12:36 - Ultimo aggiornamento: 14:04

Per il momento niente riaperture, anzi. Il nuovo decreto legge che il ministro Roberto Speranza presenterà tra poco al Senato dovrebbe sostanzialmente continuare la linea del rigore e allontanare quindi la possibilità che a partire dal 5 marzo (data di scadenza del Dpcm varato il 16 gennaio dal governo Conte bis e ancora in vigore) ci possano essere dei concreti allentamenti sulle restrizioni.

Restano le fasce di colore


In particolare, si continuerà con il sistema dei colori e degli interventi mirati. Per cui le aree dove i dati mostrano l'evidenza di una circolazione più alta del virus, anche per i timori che riguardano la presenza crescente delle mutazioni (entro marzo la variante inglese diventerà predominante secondo l'Iss e il Cts), andranno ancora in lockdown. Diventeranno cioè zona rossa. Mentre nelle zone ritenute ad alto rischio ma con dati un po' meno "pesanti" scatterà invece la fascia di arancione "scuro". Un inasprimento localizzato, come già visto in questi giorni, la cui iniziativa sarà ancora lasciata ai governatori (può interessare anche un solo comune) e che potrà prevedere oltre a limitazioni "classiche" come il coprifuoco dalle ore 22 alle ore 5 e la chiusura di bar e ristoranti a tutte le ore se non per l'asporto, anche la serrata delle scuole e, soprattutto, il divieto di andare nelle seconde case.

Seconde case

Per queste ultime - in cui al momento è consentito recarsi solo con il proprio nucleo familiare e solo a patto di poter provare di esserne proprietario o averla affittata prima del 14 gennaio 2021 - si tratta dunque di un concreto inasprimento pensato per evitare un'ulteriore diffusione delle varianti.


Così in particolare, in zona rossa, dove già bisogna giustificare ogni spostamento anche all'interno del proprio comune, non sarà consentito raggiungere la seconda abitazione. E lo stesso divieto è previsto in tutti quei comuni (già numerosissimi in Lombardia ed Emilia Romagna) che si trovano già in fascia arancione ma hanno adottato ulteriori restrizioni locali. Si tratta in pratica di una sorta di livello intermedio, quasi chirurgico, di intervento che prova a limitare l'esplosione dei contagi prima che si renda necessario il lockdown più esteso. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA