MIGRANTI

Caso Sea Watch, Toninelli: «I migranti se li prenda l'Olanda»

Venerdì 25 Gennaio 2019
«Io fornisco anche un'alternativa: siccome sulla Sea Watch c'è una bandierina olandese che sventola e siccome non mi pare che gli olandesi abbiano ancora detto nulla, trovino la maniera migliore per prendersi in carico i migranti». Lo afferma il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli, a margine della commemorazione delle vittime della tragedia ferroviaria di Pioltello, avvenuta un anno fa, rispondendo a una domanda dei giornalisti.

«Per quanto riguarda la Sea Watch devo vedere ancora il dossier: certamente l'Italia non ha mai coordinato i soccorsi, li hanno fatti loro che come era già capitato recentemente, purtroppo non hanno rispettato la legge del mare. Avrebbero dovuto attendere la guardia costiera libica, perché il tutto è avvenuto nel mare libico», aggiunge Toninelli. «Siccome se ne sono andati a questo punto direi che come dice bene il vice premier Luigi Di Maio si dirigano verso la Francia, verso Marsiglia», anche se potrebbe esserci l'alternativa olandese. «L'Olanda è giusto che dica qualche cosa, ma in primis dovrebbe essere Macron a dire 'venite dalla mia parte'», conclude il ministro.

Il vicepremier Di Maio. «La nave Ong Sea Watch 3 avrà dal governo italiano supporto medico e sanitario qualora ne avesse necessità, ma la invito ancora a puntare la prua verso Marsiglia. Questa nave, come vedete in foto, batte bandiera olandese e si trova ora a pochi chilometri dalle coste italiane».



È quanto scrive su Facebook il vicepremier Luigi Di Maio, ribadendo a linea del governo sulla questione Ong.
Ultimo aggiornamento: 10:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi