Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sci, Boccia alle Regioni: «Obiettivo apertura in sicurezza il 15 febbraio»

Sci, Boccia alle Regioni: «Obiettivo apertura in sicurezza il 15 febbraio»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 28 Gennaio 2021, 16:54 - Ultimo aggiornamento: 18:42

Sulle misure per contenere l'emergenza Covid le Regioni faccia a faccia con il governo. Sul fronte impianti sci si punta alla riapertura per il 15 febbraio, così come previsto dall'ultimo Dpcm. L'obiettivo è quello di «provare a costruire un percorso condiviso che consenta la riapertura con la massima sicurezza entro il termine del Dpcm in vigore», ha sottolineato, secondo quanto si apprende, il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia in collegamento con il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri nella riunione con le Regioni.

Sci, quando riaprono gli impianti? C'è la data e il nuovo protocollo. I gestori: «Noi pronti»

Il ministro ha ricevuto le linee guida messe a punto dalle regioni assicurando che saranno trasmesse «formalmente nella giornata di oggi al Cts e al ministero della Salute chiedendo una nuova valutazione tecnico-scientifica con la massima celerità».

Atti urgenti emergenza

«Le istituzioni non devono mai rallentare il lavoro ordinario, anche quando si vive una crisi di governo incomprensibile e sotto molti aspetti irresponsabile per la complessità dei dossier che ogni giorno siamo chiamati ad affrontare insieme; per fortuna di tutti noi la gestione della crisi che inciderà anche sui tempi dei lavori straordinari da programmare della Stato-Regioni è nelle salde mani del capo dello stato», ha sottolineato Boccia in conferenza Stato-Regioni. «Intanto anche con la seduta di oggi diamo il via libera a tutti gli atti ordinari inerenti le competenze delle conferenze e quelli urgenti inerenti l'emergenza sanitaria», ha aggiunto Boccia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA