MATTIA SANTORI

Sardine, dopo il flop a Napoli Santori espelle il leader locale. E lui attacca: «Non sono democratici»

Mercoledì 19 Febbraio 2020
6
Sardine, dopo il flop a Napoli ecco il primo

È stato un flop l'evento organizzato dalle Sardine ieri, 18 febbraio, a Napoli. In piazza Dante erano presenti poco meno di 300 persone e Mattia Santori non è nemmeno salito sul palco. Ma attimi di tensione si sono registrati anche all'interno delle Sardine, dove uno dei membri attivi della sezione napoletana del movimento, Bruno Martirani, è stato "epurato" senza ricevere alcuna spiegazione. «Anziché fare interviste, bisognerebbe chiedersi il perché di questi flop e perché questo fenomeno qui non attecchisce», spiega Martirani a Il Messaggero.it. 

LEGGI ANCHE Matteo Salvini a Napoli, scontri al corteo degli antagonisti. Sardine, presenze flop

Eppure, da scaletta, l'intervento di Santori era previsto, sebbene la sardina abbia dichiarato il contrario. Martirani, invece, sul palco ci è salito ignorando il "veto" che gli sarebbe stato posto. «Arrivato a casa ho scoperto che i burattini napoletani di Santori e friends mi avevano cancellato dalle chat interne e dalla gestione della pagina e del gruppo Facebook che, tra le varie cose, avevo creato personalmente», ha scritto l'ex sardina napoletana sui social. 

Al di là delle dinamiche interne del movimento, Martirani denuncia tutto ciò che, secondo lui, non va nelle Sardine: «Il fallimento di questi eventi calati dall'alto dimostra che il rapporto con il territorio è fondamentale. Napoli è un laboratorio politico che negli anni ha prodotto tanti esperimenti partiti dal basso. I "vertici" delle Sardine dovrebbero chiedersi perché qui al sud non attecchiscono. I bolognesi hanno il merito di aver inventato le piazze, ora si stanno interrogando sulla forma. Bisogna mettere i territori al centro del discorso, evitando uscite come quella sull'Erasmus». E conclude: «È importante che tutti sappiano di fronte a cosa si trovano quando si parla di Sardine. La partecipazione e la democrazia sono molto lontane da questa storia. Napoli non è Bologna, il Mezzogiorno non è l’Emilia. Il cambiamento, a maggior ragione dalle nostre parti, non potrà di certo partire da qui».
 

 

Ultimo aggiornamento: 20 Febbraio, 07:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani