COVID

Estate 2021, Sardegna e Sicilia chiedono l'immunizzazione subito per diventare isole Covid free

Giovedì 8 Aprile 2021
3
Sardegna e Sicilia, i presidenti chiedono a Draghi di immunizzare subito anche le due isole

Dopo il piano turistico per fare delle isole minori dell'Italia delle isole Covid free, i governatori delle isole più grandi, Sardegna e Sicilia, chiedono al governo di procedere con un'immunizzazione di massa, accelerata, anche nei loro territori. Una strategia che consentirebbe la ripresa di uno dei comparti vitali per queste regioni: il turismo.

Isole Covid-free: il piano del governo per rilanciare il turismo. Immunizzazione da fine aprile

Isole Covid free, il ministro Garavaglia: «Si può fare, possibili aperture il 2 giugno»

«Procedere rapidamente alla vaccinazione dell'intera popolazione di Sardegna e Sicilia, cioè le due più grandi Isole del Mediterraneo a spiccata vocazione turistica, che possono garantire numeri importanti per la ripresa dell'economia nazionale», a partire dal turismo. I presidenti delle due Regioni, Christian Solinas e Nello Musumeci, chiedono al governo Draghi di «avere il coraggio» di andare oltre la proposta di vaccinazione delle sole isole minori del Paese, puntando su Sardegna e Sicilia.

 

Infatti, scrivono in una dichiarazione congiunta, «la nostra condizione di insularità, che limita i punti d'accesso a porti e aeroporti, rende più semplice il controllo sanitario. Vaccinando l'intera popolazione potremo ospitare in piena sicurezza i turisti aprendo veri e propri corridoi preferenziali verso paesi e regioni che hanno già completato l'immunizzazione o utilizzando il modello dei voli e delle navi Covid tested, che garantisce un'enorme attrattività internazionale».

Estate 2021, come viaggeremo? Boom prenotazioni di case vacanza e barche. L'elenco dei Paesi sicuri

I due governatori propongono di coprire con risorse regionali il costo per l'acquisto preferenziale delle dosi di vaccino necessarie all'immunizzazione totale delle rispettive popolazioni o, quanto meno, l'autorizzazione da parte del governo a prenotare i vaccini cosiddetti «aggiuntivi» come lo Sputnik in attesa dell'omologazione da parte di Ema o Aifa. «Siamo pronti a sperimentare per primi queste soluzioni - confermano - oggi, la grande incertezza generata dalle posizioni contraddittorie assunte da Ema sui vaccini AstraZeneca sta determinando paure e rifiuti in misura altissima da parte della popolazione.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 9 Aprile, 09:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA