Zona rossa e lockdown, da Roma e Milano fuga sulle isole, ma in Sardegna stretta sugli arrivi e piano profilassi per i turisti

Sardegna e piccole isole rifugio di romani e milanesi: piano profilassi per i turisti
di Pierluigi Cascianelli e Flaminia Savelli
4 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Marzo 2021, 00:14 - Ultimo aggiornamento: 25 Marzo, 09:37

In zona rossa sì. Ma con vista mare. Così romani e milanesi con le seconde case tra la Sardegna, le isole pontine e la Toscana si sono organizzati per trascorrere le prossime settimane in “rosso” lockdown
Una fuga dunque, iniziata domenica agli imbarchi verso la Sardegna nel porto di Civitavecchia. Un “mini esodo” dalla Capitale alle case di villeggiatura in Costa Smeralda. 

Sardegna bianca si blinda contro il Covid: in arrivo ordinanza contro assalto seconde case. A Sant'Antioco obbligo di quarantena

Al primo posto tra le mete anche perché unica zona nel Paese in fascia bianca. Con numeri rilevanti dato il periodo: 600 passeggeri si sono diretti verso Olbia soltanto nella giornata di domenica. Un aumento che era andato però crescendo già nei giorni precedenti. Per un totale di oltre 1000 turisti sbarcati sull’isola. Una partenza anticipata ma non senza regole anti Covid. Anche per non replicare quanto avvenuto la scorsa estate. Quando proprio in Sardegna in pieno agosto, tra discoteche e locali aperti (con la distanza di due metri in pista), sono schizzati i numeri del contagio. Tanto che a novembre la Procura di Cagliari ha aperto un fascicolo d’inchiesta con l’ipotesi di reato di epidemia colposa. 

Oggi invece i controlli nell’isola sono più stringenti ma l’allerta, dopo i nuovi arrivi, è altissima. Come stabilito dall’ordinanza della Regione Sardegna infatti, per i passeggeri in arrivo è obbligatorio presentare il certificato del tampone negativo effettuato due giorni prima (per chi non l’ha fatto c’è il drive-in al Porto di Olbia).

LE METE

È l’isola della Maddalena, a nord della Sardegna, il comune che ha registrato il maggior numero di ingressi: «Le case di villeggiatura sono state quasi tutte riaperte. I turisti sono arrivati da Roma e Milano» conferma Gian Piera Usai, segretaria generale dell’ Associazione nazionale comuni isole minori (Ancim). 
Anche dal porto di Piombino in Toscana, lo scorso week end si è registrata una leggera flessione positiva con 800 passeggeri imbarcati per l’isola d’Elba e il Giglio: circa 100 unità in più rispetto al fine settimana precedente. 

Mentre nelle isole pontine i romani sono già sbarcati a Ventotene e Ponza: «Abbiamo zero contagi da una settimana ma siamo comunque in lockdown come disposto dalla Regione Lazio» precisa Francesco Ferraiuolo, primo cittadino di Ponza. «Sono arrivati qui dalla scorsa settimana- aggiunge il sindaco- dobbiamo comunque rispettare le regole da fascia rossa. Ma almeno c’è il mare».

IL PIANO VACCINI
Le 35 isole minori stanno però già programmando l’estate 2021. In particolare stanno studiando un piano di vaccinazione. La proposta è stata appena inoltrata al Ministero della Salute: «Le nostre isole vivono di turismo e non possiamo permetterci un’altra estate come quella passata. Dobbiamo farci trovare preparati» spiega Usai, segretaria Ancim. Il nuovo sistema prevede non solo un piano di tracciamento con i tamponi, come quello già messo in campo in Sardegna. Ma anche un programma vaccinale che dovrà essere operativo quanto prima. «La nostra richiesta è di consentire vaccini e richiami anche a chi si troverà in vacanza in una delle nostre isole - precisa Usai- a cavallo del periodo estivo. Nei 35 piccoli comuni devono essere allestiti dei centri vaccinali. Per chi tra giugno e settembre è in lista per l’immunizzazione». In sostanza, sarà sufficiente indicare la nuova residenza e il comune di riferimento: «Una procedura semplice ma necessaria per consentire il rilancio del turismo e garantire le misure sanitarie necessarie per chi viaggerà». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA