GIUSEPPE CONTE

Governo, ira Salvini: «M5S-Pd governo di poltronari, ma poi il voto arriva»

Lunedì 26 Agosto 2019
6
Salvini: «M5S-Pd è tradimento della volontà popolare, la via maestra è il voto»

Il giorno della verità si avvicina e il centrodestra vede sfumare sempre più l'ipotesi del voto. Matteo Salvini dà ormai per fatto l'accordo fra M5S e Pd. «Sta nascendo il partito delle poltrone, che vuole smontare tutto. Ma attenzione: chi ha paura del voto del popolo non ha la coscienza pulita». Il leader della Lega attacca diretto il suo ex premier, Giuseppe Conte: «Se la discontinuità avrà il suo volto, gli italiani avranno chiaro il perché del ribaltone, che era preparato da tempo». 

Governo, tra M5S e Pd non bastano 4 ore di vertice. ​«Conte-bis, strada ancora in salita»
 


LEGGI ANCHE --> Governo, M5S supera lo scoglio Casaleggio ma non Rousseau: ora la base va convinta sul Pd
Governo, Centinaio a M5S: pronti ad accordo di legislatura, Zingaretti: «Discontinuità sulla squadra». Direzione Pd domani alle 18

Un barlume di speranza resta. «Probabilmente l'accordo ancora non è chiuso», dice il leader della Lega. Ma è un modo per introdurre un altro attacco: «È solo perché mancano i dettagli della spartizione delle poltrone, noi non ci stiamo». Per adesso, Salvini non toglie la giacca da ministro degli Interni: «Non facciamo appelli alle piazze - dice - ancora oggi ero al Viminale, per garantire stabilità, sicurezza, regole e dignità». Un'uscita che ha gettato acqua sull'incendio innescato dalla ministra alla famiglia, Alesandra Locatelli: «Sono sicura che qualora si formi un nuovo governo M5S-Pd il popolo scenderà in piazza e la Lega sarà al suo fianco».

Governo, M5S supera lo scoglio Casaleggio ma non Rousseau: ora la base va convinta sul Pd

Parole che hanno scatenato le polemiche di esponenti Pd e pentastellati, ma poi Salvini la sconfessa dal Viminale «non facciamo appelli alle piazze». Il voto prima o poi, farà giustizia. Nel centrodestra, tuttavia, si fa largo l'intenzione di non lasciare che questo governonasca senza che ci siano manifestazioni di protesta, non solo di palazzo. Giorgia Meloni ha annunciato una mobilitazione per chiedere il voto. «Se necessario, scenderemo in piazza, dobbiamo far sentire la nostra voce perché un altro governo fatto solo per massacrare gli interessi e i diritti degli italiani non ce lo possiamo permettere». 
 


La Lega ha comunque provato fino all'ultimo a ricucire con l'ex alleato. Salvini ha aperto la crisi nella speranza di andare al voto e incassare il consenso che gli italiani hanno mostrato per la Lega con le elezioni europee. Ma ora l'idea delle elezioni appare remota. Quindi, ha preso piede l'ipotesi di una retromarcia. E anche, in zona Cesarini, mentre Di Maio e Zingaretti a Palazzo Chigi discutevano del governo M5S-Pd, il ministro all'Agricoltura Gianmarco Centinaio ha rilanciato l'offerta di via Bellerio ai pentastellati: «Apriamo un confronto per un accordo di legislatura». Uno dei punti potrebbe essere Luigi Di Maio a Palazzo Chigi. «È una ipotesi sul tavolo», ha confermato il ministro.

M5S, vertice in un palazzo romano: al termine bocche cucite tra i leader

Insomma, col passare dei giorni i toni perentori sono scomparsi. Anche il canale Salvini-Di Maio, che si è riaperto qualche giorno fa, per tutta la giornata ha funzionato, con uno scambi di messaggi whatsapp. Nella ipotetica coalizione di centrodestra, però, non mancano le crepe. Forza Italia, per esempio, già alle prese con l'uscita di Giovanni Toti, teme di rimanere tagliata fuori anche un eventuale approdo della crisi al voto. E allora Giorgio Mulè avverte: «Con questa legge elettorale non può esistere un centrodestra autosufficiente basato su Lega e Fdi». 

Ultimo aggiornamento: 27 Agosto, 02:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi