Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salvini e il caso Russia, la mossa di Zingaretti: «Raccolta firme per le dimissioni»

Salvini e il caso Russia, la mossa di Zingaretti: «Raccolta firme per le dimissioni»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Agosto 2019, 14:39 - Ultimo aggiornamento: 14:58

L'annuncio arriva direttamente dal segretario del Pd Nicola Zingaretti: «Parte la raccolta di firme che andrà avanti fino al 12 settembre in tutta Italia sulla petizione “Troppe ombre. Pochi fatti. Salvini dimettiti!!”. A tutte le federazioni e ai circoli del Pd sono stati inviati i moduli per la raccolta di firme per sostenere la mozione di sfiducia che il Partito Democratico ha presentato in Parlamento nei confronti di Matteo Salvini». 

Nel documento che farà il giro dei circoli Pd sparsi in Italia e magari anche delle Feste dell'Unità si legge: «Inchieste giornalistiche e indagini della magistratura stanno facendo emergere scenari sempre più inquietanti sui legami tra la Lega di Salvini e la Russia di Putin. Abbiamo chiesto al ministro dell’Interno di venire in Parlamento a spiegare al Paese il motivo e il merito del rapporto della Lega, con i suoi uomini, e la Russia».

Da qui l'affondo del Pd: «Lo stesso presidente della Camera ha invitato il Ministro Salvini a riferire in Parlamento. Ma sia le richieste delle opposizioni che quelle di un’alta carica dello Stato sono rimaste inascoltate. Salvini fugge. È inaccettabile, non solo per rispetto delle istituzioni democratiche, ma anche perché il Ministro dell’Interno ha il dovere di garantire la sicurezza del Paese. Non ci possono essere quindi essere zone d’ombra o dubbi sul suo operato, specie se c’è il sospetto che siano state messe a rischio alleanze e collocazione strategica dell’Italia in Europa e nel Patto Atlantico».

Ma anche su questo tema il Pd ha due fronti. Perché c'è anche l'iniziativa dell'ex segretario Matteo Renzi che, attraverso la mobilitazione dei suoi comitati civici, ha avviato la raccolta di firme. Nei giorni scorsi i dem si sono diviti sulla mozione di sfiducia al ministro dell'Interno. Una parte, quella renziana, voleva proporla subito; un'altra, quella legata alla maggioranza, ha deciso e si è imposta per aspettare. Non a caso il deputato Luciano Nobili, leader della corrente Sempre Avanti, twitta: «È lodevole la mobilitazione del PD per la mozione di sfiducia a #Salvini. Se magari l’avessimo fatta quando l’abbiamo chiesto a gran voce, saremmo in un altro film e lo avremmo già costretto a rispondere. Firma anche tu la raccolta lanciata da @matteorenzi».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA