Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salario minimo, il ministro Orlando: «Siamo favorevoli all'introduzione»

Andrea Orlando al Consiglio europeo
2 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Giugno 2021, 18:13

Sì al salario minimo per i lavoratori. È favorevole il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, che ne ha parlato al Consiglio europeo dei ministri del Lavoro a Lussemburgo: «Siamo favorevoli all'introduzione del salario minimo che non indebolisca la contrattazione e anzi la rafforzi. E vanno definiti i criteri dei soggetti autorizzati alla contrattazione. Con la centralità delle parti sociali - ha detto - crediamo che la direttiva cerchi di coniugare l'esigenza di valorizzare il meglio della contrattazione ma di garantire contemporaneamente il salario minimo, Non c'è ingiustizia più grande di avere lavoratori che non hanno un salario dignitoso».

«Le transizioni che dovremo affrontare saranno eque, desiderabili e democratiche soltanto se saranno guidate dal dialogo sociale», ha continuato. In Italia, ha spiegato il ministro, «è stato istituito un tavolo permanente per il partenariato economico-sociale e territoriale per la realizzazione del Recovery Plan. Oggi il dialogo sociale guida il confronto per una riforma degli ammortizzatori sociali». «La disciplina sul telelavoro - ha proseguito - va nella direzione del recepimento di alcune indicazioni che emergono dal confronto tra le parti sociali». «Dobbiamo coinvolgere di più i professionisti, il lavoro autonomo, i lavoratori precari, quelli stagionali e dello spettacolo», ha detto Orlando.

Blocco licenziamenti, Orlando: soluzione va trovata tra le forze politiche

© RIPRODUZIONE RISERVATA