Riforma giustizia, Bonafede: «M5S come gli altri, con nuovo provvedimento aumenta il rischio impunità»

Riforma giustizia, Bonafede (M5S): «Con nuovo provvedimento aumenta il rischio impunità e ci saranno processi più lunghi»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 9 Luglio 2021, 13:02 - Ultimo aggiornamento: 10 Luglio, 09:51

Il tema prescrizione lacera i 5Stelle dopo la decisione di ieri di votare sì in Consiglio dei ministri alla nuova riforma della giustizia voluta dalla ministra Marta Cartabia. I quattro ministri hanno votato favorevolmente ma oggi sono arrivate forti critiche da parte di alcuni esponenti pentastellati; tra questi l'ex Guardasigilli Alfonso Bonafede.

Giustizia, riforma processo: stop procedimento se appello dura più di due anni. Prescrizione e tempi, cosa cambia

Per Bonafede «la norma votata ieri, a mio modesto parere, rischia di trasformarsi in una falcidia processuale che produce isole di impunità e che, comunque, allungherà i tempi dei processi». L'ex ministro ha sottolinato che la sua presa di posizione non è personale. «La giustizia non è una questione personale. Non è, o non dovrebbe essere, un campo di sfida propagandistica tra forze politiche - ha continuato Bonafede -. Non è una bandierina e non deve essere posta sotto il ricatto asfissiante dei pregiudizi ideologici».

E ancora: «Qualcuno approfitta della riforma del processo penale passata ieri in Consiglio dei ministri, con il timoroso e ossequioso benestare dei ministri M5s (che non hanno avuto nemmeno il tempo e la possibilità di analizzare la proposta), per attaccare me e le battaglie che ho portato avanti (e che rifarei domattina, a testa alta, senza battere ciglio)», ha concluso l'ex ministro ricordando infine che se pur vero che la «norma non andrà a regime prima del 2024 e che 'concede' un po’ di tempo in più per i reati di corruzione», questo «è veramente troppo poco perché è troppo lontano da quello che abbiamo promesso e realizzato».

Rocco Casalino in lacrime mentre Conte lascia Palazzo Chigi

Ferma contrarietà anche da parte dell'ex deputato 5Stelle Alessandro Di Battista che con un articolo sul quotidiano online TPI ha accusato i pentastellati di aver rinnegato tutte le loro battaglie da quando hanno deciso di entrare nella maggioranza a sostegno di Draghi. «Una forza politica che, tre anni fa, sebbene pare sia passato un secolo, prese il 33% dei voti grazie a sacrosante istanze di cambiamento e che finisce a portare il caffè a chi un tempo diceva di voler spazzar via accontentandosi, in modo dozzinale, di mancette composte, oltretutto, da banconote false», ha attaccato frontalmente l'ex leader M5S.

Voto ai 18enni per il Senato, la riforma acchiappa-giovani (per strapparli ai Ferragnez)

© RIPRODUZIONE RISERVATA