LUIGI DI MAIO

Provenzano, Di Maio: «La Corte Ue non sa di cosa parla». Salvini: «Decidono gli italiani»

Giovedì 25 Ottobre 2018
Provenzano, Di Maio alla corte Ue: «Non sanno di cosa parlano». Salvini: «Decidono gli italiani»

La Corte Europea condanna l'Italia per il 41bis a Bernardo Provenzano, scatenando la reazione dei due vicepremier Luigi Di MaioMatteo Salvini. Entrambi i ministri hanno affidato a Facebook il loro commento sulla decisione di Strasburgo. Di Maio ha scritto: «Ma scherziamo? La Corte europea dei diritti umani ha condannato l'Italia perché decise di continuare ad applicare il regime duro carcerario del 41bis a Bernardo Provenzano, dal 23 marzo 2016 alla sua morte. Avremmo così violato il diritto di Provenzano a non essere sottoposto a trattamenti inumani e degradanti».

LEGGI ANCHE Provenzano, la Corte europea dei diritti umani condanna l'Italia: «Trattamento inumano»

«Non sanno di cosa parlano! - prosegue il pentastellato - I comportamenti inumani erano quelli di Provenzano. Il 41bis è stato ed è uno strumento fondamentale per debellare la mafia e non si tocca. Con la mafia nessuna pietà». Gli fa da eco Salvini che, sempre tramite social, scrive: «La Corte Europea di Strasburgo ha “condannato” l’Italia perché tenne in galera col carcere duro il “signor” Provenzano, condannato a 20 ergastoli per decine di omicidi, fino alla sua morte. Ennesima dimostrazione dell’inutilità di questo ennesimo baraccone europeo. Per l’Italia decidono gli Italiani, non altri».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Termini, la brutta cartolina della fila chilometrica per i taxi

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma