Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sicilia, il 23 luglio le primarie del centrosinistra: si vota solo online

Sicilia, il 23 luglio le primarie del centrosinistra: si vota solo online
di Andrea Bulleri
2 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Giugno 2022, 10:56

La data del voto è già stata fissata: 23 luglio, un sabato. Così come le modalità della consultazione, per la prima volta solo online. Il centrosinistra siciliano si prepara alle primarie per scegliere il candidato da schierare alle regionali del prossimo autunno. Primarie che, altra novità, saranno di “campo largo”. Ossia includeranno, oltre a candidati del Pd e delle altre formazioni della sinistra, anche esponenti del Movimento 5 stelle.

Di nomi certi in campo ancora non ce ne sono. Chi sceglierà di correre dovrà ufficializzare la propria candidatura nelle prossime settimane, tra il 23 e il 28 giugno. Ma dal tavolo tecnico di mercoledì - durato oltre sei ore - convocato per limare il regolamento del voto sono emersi altri dettagli. Il primo: si potrà votare soltanto online, per evitare voti doppi o altre possibili irregolarità. Da casa, oppure attraverso postazioni fisiche allestite nei più classici gazebo (ma sempre attraverso uno schermo). Almeno una trentina le postazioni che dovrebbero essere allestite in tutta l’isola per garantire la partecipazione anche ai meno esperti del web. Per votare, in ogni caso, bisognerà essersi prima registrati. Ancora incerta la piattaforma che verrà utilizzata: “L’obiettivo - assicurano i vertici del M5s in Sicilia - è far scegliere il candidato progressista per le regionali a quanti più siciliani possibile”. 

Così come incerti sono i nomi dei big in gara. Nelle scorse settimane era circolato il nome di Peppe Provenzano, attuale vicesegretario Pd, come possibile candidato governatore. Una figura che stando ai retroscena sarebbe stata ritenuta dal Movimento troppo schiacciata sui dem, motivo per cui la scelta alla fine è caduta sulle primarie di coalizione. Coalizione che dovrebbe essere formata, oltre che da Pd e M5s, anche da Verdi, Articolo 1 e dal movimento Cento Passi di Claudio Fava, che nelle scorse ore ha già fatto sapere che intende essere della partita per sfidare la destra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA