Prescrizione, appello di Bonino e Calenda:
«Democratici e Italia Viva dicano no»

Carlo Calenda
1 Minuto di Lettura
Martedì 7 Gennaio 2020, 21:41

«Questa è una battaglia fondamentale, se si scivola al primo gradino non si sa mai dove si va a finire». Lo ha
detto Emma Bonino al presidio contro la riforma Bonafede della prescrizione davanti a Montecitorio cui hanno preso parte, tra gli altri, Carlo Calenda, Benedetto Della Vedova, Stefano Parisi, Riccardo Magi. «Il tema della giustizia giusta mi accompagna sin da ragazza, da Tortora in poi - ha spiegato la Bonino-. Non cederemo neanche questa
volta. Oggi siamo in un momento determinante, non è questa l'ultima barbarie, ce ne sono altre, ma se lasciamo passare questa la certezza del diritto è quasi del tutto scomparsa».

Calenda è stato esplicito: «Questa è una battaglia che merita di essere combattuta, non garantisce efficienza al sistema giustizia ma è solo la premessa a tempi più lunghi, perché stare sotto processo e di
per se una pena. È l'esempio di una politica che pensa di abolire la povertà o la corruzione con norme che hanno per nome un risultato che alla fine non si raggiunge mai».

© RIPRODUZIONE RISERVATA