Dal turismo alla ricerca, ecco il piano di Colao (in 6 mosse) per il rilancio dell'Italia. Fuori corso le banconote da 200 e 500 euro

Lunedì 8 Giugno 2020
1
Dal Turismo alla ricerca, ecco il piano di Colao (in 6 mosse) per il rilancio dell'Italia

La nuova fase di ripartenza del Paese entra nel vivo. Il Comitato di esperti guidato da Vittorio Colao, ha consegnato questa mattina alla Presidenza del Consiglio il suo rapporto finale che verrà illustrato nei prossimi giorni. Il piano propone obiettivi generali e sei ambiti fondamentali per il rilancio (Imprese e Lavoro; Infrastrutture e Ambiente; Turismo, Arte e Cultura; Pubblica Amministrazione; Istruzione, Ricerca e Competenze; Individui e Famiglie).

Fase 4, la bozza di Colao a Conte: scossa anti-burocrazia

Fase 3, ecco il piano di Colao per la rinascita dell'Italia: ma il governo non lo userà


«Il Comitato - si legge nella nota - che ha operato su base volontaria e senza costo alcuno per la collettività - ha ringraziato il Presidente del Consiglio per l'opportunità offerta di mettere a disposizione delle istituzioni della Repubblica le proprie competenze. Un particolare ringraziamento va ai funzionari delle Istituzioni che nelle otto settimane di lavoro hanno contribuito, agevolato e supportato sul piano tecnico le attività del Comitato».

IL TESTO

Imprese e lavoro motore dell'Economia. Rinviare il pagamento dell'imposte sui redditi di giugno-luglio. È una delle proposte contenute nel capitolo «imprese e lavoro motore dell'Economia» del Piano Colao con le «iniziative per il rilancio Italia 2020-2022». La proposta chiede di «differire (quanto meno per le imprese che lo richiedono) il pagamento del saldo delle imposte dovuto nel 2020 al suo ricevimento». Sul fronte fiscale viene chiesto di rendere più agevole la compensazione dei debiti con i crediti fiscali, anche con i crediti esigibili verso la Pa.

Fuori corso le banconote da 200 e 500 euro. Introdurre la Voluntary Disclosure sul contante e altri valori derivanti da redditi non dichiarati (anche connessa all'emersione del lavoro nero) a fronte del pagamento di un'imposta sostitutiva e dell'impiego per un periodo minimo di tempo (ad esempio 5 anni) di una parte significativa dell'importo in attività funzionali alla ripresa (ad esempio investimentonel capitale dell'impresa del soggetto che fa la Voluntary Disclosure, o investimento in social bond nominativi o altri strumenti analoghi). Condizionare gli effetti premiali in ambito penale a specifici requisiti di coerenza; promuovere un'iniziativa per mettere rapidamente fuori corso le banconote in Euro di maggior taglio (500 e 200). Questi i suggerimenti contenuti nel rapporto 'Iniziative per il rilancio 'Italia 2020-22' del Comitato di esperti in materia economica e sociale, la cosiddetta task force guidata da Vittorio Colao.

Covid, no responsabilità penale del datore di lavoro. Escludere il 'contagio Covid-19' dalla responsabilità penale del datore di lavoro per le imprese non sanitarie e neutralizzare fiscalmente, in modo temporaneo, il costo di interventi organizzativi per l'adozione dei protocolli di sicurezza; definire e adottare un codice etico per la P.a. sullo smart working; consentire (in deroga temporanea) il rinnovo dei contratti a tempo determinato in scadenza almeno per tutto il 2020. Sono le prime indicazioni su imprese e lavoro contenute nel Piano Colao.

Piano quinquennale sul turismo. «Sviluppare un Piano Strategico del Turismo, con respiro almeno quinquennale, da aggiornarsi ogni due anni, in modo che sia un irrinunciabile strumento operativo per tutti gli attori della filiera». È quanto prevede uno degli obiettivo del capitolo Turismo del piano Colao. «Il settore è sotto forti pressioni competitive. L'Italia è al 1ø posto come paese ricercato in fase di pianificazione vacanza (dati Google), ma al 5ø posto per numero di visitatori internazionali (62M), dietro a Francia (96M), Spagna (84M), USA (83M) e Cina (74M)», si legge nel testo, che prevede anche la creazione di un «presidio governativo speciale focalizzato sul recupero e rilancio del settore nel prossimo triennio con l'obiettivo di assicurare coordinamento governativo orizzontale e territoriale verticale nel periodo di rilancio».

 

Ultimo aggiornamento: 9 Giugno, 06:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA