PENSIONI

Pensioni, spunta la rivalutazione. Il Mef: Iva rimodulata

Martedì 8 Ottobre 2019 di Jacopo Orsini
Pensioni, spunta la rivalutazione. Il Mef: Iva rimodulata

Il governo apre ai sindacati sulla rivalutazione delle pensioni. Si terrà venerdì a Palazzo Chigi un tavolo tecnico su questo tema e i sindacati sperano di poter strappare qualche novità positiva sul tema dell’adeguamento all’inflazione dei trattamenti previdenziali. Adeguamento che oggi al di sopra dei 1.520 euro mensili lordi è riconosciuto in misura parziale e decrescente in base al reddito. Anche di questo si è parlato ieri nell’incontro tra il premier Giuseppe Conte e i leader di Cgil, Cis, e Uil: i margini di manovra sono incerti ma c’è la volontà di dare un segnale anche al mondo dei pensionati. Nel 2019 sarebbe dovuto tornare in vigore il sistema di rivalutazione quasi pieno degli assegni, con il quale viene applicata una piccola riduzione dell’aumento riconosciuto, ma solo per le fasce di pensione che superano una certa soglia. L’esecutivo gialloverde però ha deciso che per tre anni questo meccanismo sarebbe stato sostituito da uno più penalizzante (e simile a quello in vigore tra il 2014 e il 2018): le decurtazioni della rivalutazione riconosciuta sono sull’intero importo della pensione e arrivano al 60 per cento per i trattamenti più alti. La differenza va a seconda della situazioni personali da pochi euro al mese a cifre più consistenti, ma il tema è simbolicamente molto sentito dai pensionati. La norma introdotta con la scorsa manovra prevedeva risparmi per 253 milioni nel 2019, 742 nel 2020 e 1,2 miliardi nel 2021: risorse a cui si dovrà almeno parzialmente rinunciare in caso di marcia indietro. Pensioni a parte, nell’incontro di Palazzo Chigi i sindacati hanno insistito sul calo delle tasse. Ancora «non sufficienti» vengono giudicate le risorse messe in campo, 2,7 miliardi, per abbassare il cuneo fiscale. «Le cifre messe sul tavolo ancora non sono sufficienti, vanno aumentate», ha detto il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini.

Manovra, Gualtieri: «Bonus 80 euro resta, stop all'Iva non esclude ritocchi»

L’AUDIZIONE
Obiettivo della manovra, ha ribadito intanto ieri il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, nell’audizione davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato è «evitare l’inasprimento della pressione fiscale», disattivando gli aumenti Iva per «23 miliardi». Ma non sono escluse rimodulazioni delle aliquote. «L’aumento dell’Iva non è una delle fonti di finanziamento della manovra», ha affermato Gualtieri, ma «questo non esclude - ha aggiunto - che si possano valutare rimodulazioni» per avere un «più equo ed efficace meccanismo delle aliquote» al momento «non sempre razionale». Già in mattinata, parlando in Confindustria, il ministro aveva ripetuto che il governo vede «aspetti positivi in termini di ridistribuzione dei redditi da una limitata rimodulazione Iva, magari a gettito zero, che può avere funzione ridistribuiva positiva e supportare la transazione del nostro sistema dei pagamenti verso il digitale». Il governo studia poi un intervento sulla famiglia per rilanciare consumi e domanda interna e quindi anche la crescita: l’idea su cui si sta lavorando è un assegno unico per i figli che ridisegni e assorba completamente gli attuali sostegni, compreso magari il bonus di 80 euro di Renzi. Che però Gualtieri ha confermato: «Non sarà eliminato». È comunque intenzione dell’esecutivo avviare un intervento sull’Irpef «ma sarebbe poco saggio», ha aggiunto il ministro, fare una riforma «così ambiziosa» in pochi giorni. «Seguiremo una strategia su tre assi: il rilancio degli investimenti, la riduzione della tassazione sul lavoro e la coesione sociale», ha sostenuto il titolare dell’Economia. Previsto l’aumento delle risorse per istruzione e ricerca e per rafforzare il servizio sanitario. Confermati gli incentivi per l’efficienza energetica e il rinnovo del patrimonio edilizio. Il governo vuole inoltre rifinanziare l’iperammortamento per gli investimenti in innovazione, una misura che consente alle imprese di ottenere uno sconto fiscale. «Vogliamo allargarlo agli investimenti che favoriscano la transizione verso la sostenibilità, uno dei grandi assi della nostra politica economica», ha puntualizzato Gualtieri. Infine le stime di crescita. «Molto dipenderà dallo scenario internazionale», ha chiarito il ministro che prevede un incremento del pil dello 0,6% nel 2020. «Si tratta di una stima realistica e prudente», ha garantito. Gualtieri prevede poi «un risparmio di circa 6,8 miliardi di interessi, una cifra significativa», con la spesa che passerà «dal 3,2% del Pil al 3,1% del 2021, al 2,9% del 2022 rispetto al 3,6% della scorsa primavera».

Ultimo aggiornamento: 9 Ottobre, 07:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma