​Salvini con il Rosario sul palco, il Vaticano: «Dio è di tutti, invocarlo per sé è pericoloso»

Domenica 19 Maggio 2019
13
​Salvini con il Rosario sul palco, il Vaticano: «Dio è di tutto, invocarlo per sé è pericoloso»

«Io credo che la politica partitica divida, Dio invece è di tutti. Invocare Dio per se stessi è sempre molto pericoloso». Lo ha detto il segretario di stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, a margine della Festa dei Popoli a San Giovanni in Laterano, dove ha celebrato la messa lanciando un monito contro l'indifferenza. La Festa è stata partecipata da tanti gruppi delle varie comunità immigrate della Capitale.

«Il rosario brandito da Salvini e i fischi della folla a papa Francesco, ecco il sovranismo feticista». Questo il titolo dell'editoriale di Famiglia Cristiana sulla manifestazione di ieri a Milano dove - si legge - «è andato in scena l'ennesimo esempio di strumentalizzazione religiosa per giustificare la violazione sistematica nel nostro Paese dei diritti umani. In precedenza su Facebook era arrivata la critica di padre Antonio Spadaro, direttore della Civiltà Cattolica: »Rosari e crocifissi sono usati come segni dal valore politico, ma in maniera inversa rispetto al passato: se prima si dava a Dio quel che invece sarebbe stato bene restasse nelle mani di Cesare, adesso è Cesare a impugnare e brandire quello che è di Dio«, si legge. »Tanti religiosi mi dicono di tener duro«, dice il vicepremier.

Ultimo aggiornamento: 20 Maggio, 08:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze studio all’estero: «Ciaone» e zero contatti

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma