Crocifisso in classe, Paolo Brosio contro il ministro Fioramonti: «Si dimetta e chieda scusa»

Martedì 1 Ottobre 2019
3
Crocifisso in classe, Paolo Brosio contro il ministro Fioramonti: «Si dimetta e chieda scusa»

Paolo Brosio contro Lorenzo Fioramonti. Il giornalista attacca senza mezze misure il ministro dell'Istruzione sulla questione crocifisso in classeBrosio in una lettera scrive: «Caro ministro Fioramonti, dopo un'uscita del genere, farebbe bene a chiedere scusa e poi a lasciare una poltrona sulla quale si è seduto in maniera impropria, indegna perché ignora completamente la storia del suo Paese, che è intrisa di cultura, arte dei maestri di tutte le epoche e del sangue dei martiri cristiani».

LEGGI ANCHE Crocifisso in classe, controversia infinita: ecco cosa dice la legge
LEGGI ANCHE Crocifisso in classe, no del ministro Fioramonti. Gelo dei cattolici Pd: «Questione inutile»
 


Brosio prosegue: «Ecco da chi è rappresentata la cultura italiana nel nostro Paese, da un ministro che detesta l'albero della vita per il quale nostro Signore Gesù Cristo, si è sacrificato per la salvezza di tutti i 7 miliardi di abitanti della Terra».

Secondo il cattolico Brosio «il ministro non solo offende milioni di cattolici italiani, ma miliardi di cristiani in tutto il mondo. Non solo. Ignora che Cristianesimo significa cultura della storia delle radici dell'Italia e del mondo. Che vergogna, che tristezza, che pena».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma