CORONAVIRUS

Nuovo Dpcm, Conte: vietato sostare davanti ai bar dalle 21, feste solo in 6. Regioni: «Lezioni da casa». Azzolina: no

Lunedì 12 Ottobre 2020
3
Nuovo Dpcm, Conte: vietato sostare davanti ai bar dalle 21, feste solo in 6. Regioni: «Lezioni da casa». Azzolina: no

Mascherine raccomandate anche in casa tra non conviventi, feste a domicilio con massimo 6 persone (ma anche questa è solo una raccomandazione), stop agli sport amatoriali di contatto e stop anche alle gite scolastiche. Questi alcuni dei punti cardine del nuovo Dpcm anti-Covid che il governo ha varato durante la nottata, illustrati dal premier Conte a Regioni e Comuni riuniti in videoconferenza. Da parte loro le Regioni hanno paventato come estrema ratio anche l'ipotesi di tornare alle lezioni a distanza per gli studenti delle superiori per alleggerire il trasporto pubblico, ma sul punto la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina ha espresso la sua contrarietà, sostenendo che le lezioni continueranno in presenza in classe. Dopo il vertice, Conte ha incontrato i capi delegazioni di maggioranza, poi ha firmato il nuovo Dpcm.

 

Le mascherine all'aperto e in casa

 

«Nel Dpcm andremo a inserire la previsione delle mascherine all'aperto che abbiamo già messo in termini generali nel decreto legge. Mentre però è vincolante la norma sulle mascherine all'aperto, inseriremo una forte raccomandazione sulle mascherine all'interno delle abitazioni private in presenze di persone non conviventi. Non riteniamo di introdurre una norma vincolante ma vogliamo dare il messaggio che se si ricevono persone non conviventi anche in casa bisogna usare la mascherina», ha spiegato Conte nell'incontro con le Regioni e i Comuni.


 

Feste in casa, massimo sei persone

 

Stop alle feste private, con una «forte raccomandazione» a limitare anche quelle in casa, se partecipano più di sei persone. Il presidente del Consiglio avrebbe spiegato, a quanto si apprende, che sul punto una riflessione è ancora in atto. Alcuni tra i ministri continuano infatti a spingere perché venga introdotto un divieto vero e proprio, anche in casa. 

 

Locali, dalle 21 vietato sostare davanti ai bar

 

Divieto di sosta davanti ai locali dalle 21, in modo da evitare assembramenti , e chiusura di pub, locali e ristoranti con servizio al tavolo a mezzanotte. E' la proposta che il governo ha fatto ai governatori e ai rappresentanti degli enti locali per limitare la movida. Per quanto riguarda le cerimonie - matrimoni, comunioni, cresime e funerali - restano in vigore le regole dei protocolli già approvati ma viene messo un limite massimo di 30 persone per gli eventuali ricevimenti successivi

 

Matrimoni, limite di 30 persone

 

Per quanto riguarda le cerimonie - matrimoni, comunioni, cresime e funerali - restano in vigore le regole dei protocolli già approvati ma viene messo un limite massimo di 30 persone per gli eventuali ricevimenti successivi.

 

Gli sport amatoriali di contatto

 

Confermata l'ipotesi di sospendere gli sport di contatto, come il calcetto o il basket, a livello amatoriale, ma consentirli a livello dilettantistico, per le società che abbiano adottato protocolli per limitare i contagi. La ratio, viene spiegato, è non penalizzare chi per la ripresa dell'attività ha fatto investimenti e adottato protocolli, a partire dalle diverse federazioni sportive.

 

Regioni, lezioni a distanza. No di Azzolina

 

Nel corso della riunione con le Regioni, alcune di queste ha avanzato l'ipotesi di tornare  alle lezioni a distanza per gli alunni delle superiori, per alleggerire la pressione sui trasporti. Una proposta paventata solo come estrema ratio laddove il governo dovesse ridurre la capienza attualmente prevista per i mezzi di trasporto pubblico. È «priva di qualsiasi fondamento la notizia che dalla Regione Emilia-Romagna sarebbe stata avanzata la proposta di un ritorno alla didattica a distanza», ha precisato il governatore Bonaccini. Ma comunque «il tema esiste», spiega un ministro. Tra le misure proposte dal governo a Regioni e Comuni c'è poi quella di impedire le gite scolastiche, attività didattiche fuori sede e gemellaggi. La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina ha espresso tutta la sua contrarietà alla richiesta delle Regioni, sostenendo che le lezioni continueranno in presenza in classe.

 

Covid Italia, governo: no al lockdown, può uccidere l'economia

ROMA Nel giorno del nuovo giro di vite, con misure restrittive per bar, ristoranti, sport amatoriali, socialità, eventi, Giuseppe Conte corre a rassicurare il mondo dell'economia e della produzione: "Non ci sarà un nuovo generalizzato".


 

 

 

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre, 09:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA