Covid, oggi a Roma il corteo dei negazionisti. Di Maio: «Almeno rispettate le famiglie dei morti»

Sabato 5 Settembre 2020
2

«Rabbrividisco all'idea che una serie di esponenti politici che vanno a dire in giro che la mascherina non serve e che il virus non esiste potevano stare al Governo di questo paese in questo momento». Lo ha detto a Foggia il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. «Molti - ha aggiunto - hanno criticato il Movimento perché doveva starsene all'opposizione con il 33% due anni fa; ma grazie alla scelta di creare due governi abbiamo dato come primo ministro un cittadino della provincia di Foggia che è il premier Giuseppe Conte. Io mi sento rassicurato che lui sia il Presidente del Consiglio dei Ministri in questo momento storico in cui potevano stare al Governo quelli che dicono che ci possiamo assembrare, che non servono le mascherine e che il virus è tutta una montatura».

I negazionisti del Covid oggi in piazza, nel Lazio 171 positivi: 106 nella Capitale

Regionali, Di Maio a Bari: «Loro sono sempre gli stessi da 20 anni, noi unica novità»

Covid, l'infettivologo del Gemelli Cauda: «A Natale faremo i conti con il virus, il vaccino non ci sarà»

«Parlano di guerra i negazionisti, di guerra che devono fare allo stato contro queste misure, contro la mascherina. io invece rispondo che la guerra l'abbiamo combattuta questo inverno e abbiamo perso sul campo decine di migliaia di italiani i cui familiari stanno ancora piangendo. Ai negazionisti chiedo di portare almeno rispetto per i familiari dei morti». Lo ha detto a Foggia il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, in un incontro sullo sviluppo del made in italy, riferendosi al corteo dei negazionisti del Covid in programma oggi a Roma.

Ultimo aggiornamento: 13:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA