Natale, Salvini: «Ok se servono chiusure, ma con rimborsi subito come in Germania»

Natale, Salvini: «Se servono chiusure ok, ma con rimborsi subito come in Germania»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 16 Dicembre 2020, 13:37 - Ultimo aggiornamento: 13:40

«Se sevono chiusure ok, ma con rimborsi. Su eventuali chiusure abbiamo detto al governo di procedere, ma come in Germania con rimborsi automatici per tutte le attività danneggiate, con fatti e non con promesse». Lo ha detto Matteo Salvini in Senato parlando con i giornalisti. Salvini ha ricordato inoltre che «in Germania ci sono fino a 10mila euro per lavoratori autonomi e microimprese». Parlando degli assembramenti per lo shopping natalizio, Salvini ha detto: «Se Conte lancia la lotteria degli scontrini il 3 dicembre, e poi c'è la folla che va nei negozi è evidente che c'è qualcosa che non va a Palazzo Chigi».

«Tuttta Europa permette di ritrovarsi intono a un tavolo il giorno di Natale, tutta Europa permette di ritrovarsi in maniera prudente e numericamente controllata di ritrovarsi intorno a un tavolo senza chiudere in casa, dividere separare, allontanare. Dunque tutela della salute ma anche buon senso e vita, è quello che noi vorremmo per Natale», ha aggiunto Salvini.

Sul governo ha dichiarato: «Renzi? Di lui non si fida più nessuno, neanche Babbo Natale, non prendiamoci in giro». Per il leader della Lega «domani a Palazzo Chigi c'è il confronto tra Conte e Renzi sul rimpasto di governo, sui servizi segreti, siamo davvero il quarto mondo». E ha aggiunto: «Non sto passando il mio tempo a parlare con Conte, con Renzi o con Di Maio». «La pelle la cambiano le lucertole - ironizza Salvini - non sarò Brad Pitt, ma non mi ritengo neanche una lucertola». «Come Centrodestra saremmo pronti da domani mattina ad aiutare il Paese più di quanto non lo stiano facendo Azzolina, Bonafede o altri. Daremmo risposte economiche all'altezza della situazione».

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA