Morto Paolo Bonaiuti: aveva 79 anni. Berlusconi: «Piango un amico, mi mancherà»

Mercoledì 16 Ottobre 2019
3
Morto Paolo Bonaiuti: aveva 79 anni

È morto Paolo Bonaiuti, politico e giornalista, portavoce di Silvio Berlusconi e sottosegretario alla presidenza del Consiglio nei governi Berlusconi. Nato a Firenze, aveva 79 anni: era malato da tempo.

Silvio Berlusconi lo chiamava affettuosamente Paolino, ma non gli risparmiava critiche, con battute nel pieno di un briefing o di una conferenza stampa, e lui, Paolo Bonaiuti, abbozzava, sapendo che il legame con il 'dottorè era un legame forte, sincero. Un legame durato 18 anni, perché nel 2014 qualcosa cambiò. Tant'è che nell'aprile di quell'anno, lo storico portavoce, praticamente l'uomo ombra del leader azzurro, decise di lasciare Forza Italia per imbarcarsi in una nuova avventura politica, quella di Ncd, il nuovo partito fondato dall'ex delfino del Cav, Angelino Alfano. Fu un addio molto sofferto, che fece scalpore. Ma non sorprese chi lo conosceva bene e sapeva che i rapporti con Berlusconi si erano raffreddati già a dicembre di quell'anno, anche in seguito a due episodi molto significativi. Prima il trasloco del suo ufficio fuori da palazzo Grazioli e poi l'addio al 'Mattinalè, l'house organ forzista, lo strumento di comunicazione attraverso il quale Bonaiuti per anni aveva indicato la linea politica ai parlamentari azzurri. «Lascio Forza Italia, è una decisione difficile, sofferta, ma motivata da divergenze politiche e da incomprensioni personali che si sono approfondite nell'ultimo anno», scrisse in una breve nota il giorno dell'uscita da Fi Bonaiuti (ai primi di aprile di 5 anni fa), precisando che sarebbe rimasto nel «centrodestra per una ricomposizione delle forze in direzione riformista e moderata» e rivolgendo, a «Berlusconi un augurio dal cuore, con la sincerità e con l'affetto dei 18 anni di lavoro insieme». Parole messe nero su bianco, raccontano, dopo un lungo colloquio ad Arcore, giusto qualche giorno prima, poi 'ricostruito' su alcuni giornali nel segno del 'tradimento di Paolo', una versione che lo fece amareggiare molto.

Bonaiuti, il Portavoce che citava Dante e conosceva il mondo

Nei quasi vent'anni al suo seguito, Bonaiuti (che curava in maniera maniacale la comunicazione, specialmente quella televisiva) spesso è dovuto correre ai ripari per correggere, smussare e smentire, le 'intemperanzè verbali di Berlusconi. Ogni volta che il Cav faceva una gaffe, una battuta o raccontava una barzelletta, fuori posto, lui interveniva per smentire, chiarire e precisare. Spesso lo faceva anche in 'direttà, ovvero in conferenza stampa, richiamando all'ordine il premier con un 'Presidente, ora andiamò o sottraendolo ai giornalisti dopo averlo preso per un braccio. Come una sorta di bodyguard, Bonaiuti non lasciava mai Berlusconi, tant'è che molte volte diventava lui stesso il protagonista di qualche 'storiellà. Un'aneddoto che Berlusconi amava raccontare quando era presidente del Consiglio per bacchettare la stampa riguardava appunto il suo portavoce e l'allora primo ministro britannico Margaret Thatcher: «La Thatcher mi disse 'non si può governare e leggere i giornali, io ho un ufficio stampa che mi fa leggere solo gli articoli che parlano bene di me...' Ho chiamato Paolino Bonaiuti -rivelava il Cav- e gli ho detto 'da domani metodo Thatcher' e non l'ho visto per due mesi...».

Nato a Firenze il 7 luglio del 1940, laureato in Giurisprudenza, ha insegnato inglese e lavorato come copywriter nel campo della pubblicità. Gli esordi al Giorno di Milano, di cui diventò capo del servizio economico: dal 1975 fu inviato speciale, prima per l'economia e la finanza, poi per gli avvenimenti di politica internazionale. Nel 1984 il passaggio al Messaggero come inviato e come editorialista, dove seguì soprattutto i vertici del G7 e firmò inchieste sull'Europa che cambia, dalla caduta del Muro di Berlino al Trattato di Maastricht. Nel 1992 divenne vicedirettore vicario e poi il salto con Berlusconi e la nuova vita da politico, iniziata nel '96 con l'elezioni nelle liste di Forza Italia. Rieletto nel 2001, Bonaiuti va a palazzo Chigi, come sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, con i Berlusconi bis e ter: nella stanza dei bottoni ci resta, con questa carica, fino alla primavera del 2006. Nel maggio 2008 torna al governo (Berlusconi quater), sempre in qualità di sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri con la delega all'editoria. Dopo quattro legislatura consecutive alla Camera dei deputati, alle politiche del 2013 Bonaiuti viene eletto senatore con Il Popolo della Libertà nella circoscrizione Lombardia. Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà, aderisce alla rinata Forza Italia, che abbandona il 21 aprile dell'anno successivo per aderire al Nuovo centrodestra di Alfano. Il 18 marzo 2017, con lo scioglimento di Ncd, Bonaiuti confluisce in Alternativa Popolare.
«È stato un collaboratore particolarmente prezioso e soprattutto un grande amico col quale ho condiviso un lungo percorso. Mi è mancato molto in questi ultimi anni e mi mancherà a maggior ragione ora che è scomparso prematuramente. Lascia un grande vuoto in tutte le persone che gli hanno voluto bene, a partire dalla moglie Daniela alla quale mi unisco con un forte ed affettuoso abbraccio». Così il Presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ricorda la scomparsa del suo portavoce storico, Paolo Bonaiuti. «Piango - sottolinea l'ex premier - con tutti i miei collaboratori, la scomparsa del senatore Paolo Bonaiuti. A lui, che era un giornalista di successo, chiesi di diventare il mio portavoce e di accompagnarmi nella mia esperienza alla Presidenza del consiglio, dove è stato a lungo un apprezzato Sottosegretario».

«Sono addolorato per la scomparsa di Paolo Bonaiuti. Con lui abbiamo condiviso tante battaglie elettorali, di partito e di comunicazione. Ma soprattutto con lui abbiamo condiviso una storia politica ed umana e mi sento di dire anche una sincera amicizia. Ci mancherà». Lo dichiara il deputato Maurizio Lupi di Noi con l'Italia.

«Apprendo con dolore della scomparsa di Paolo Bonaiuti, compagno di viaggio in una importante stagione politica. Di lui ricordo con piacere l'aria sorniona e serena e la sua grande professionalità. Ai suoi cari giungano le mie sincere condoglianze». Lo dichiara Ignazio La Russa, vicepresidente del Senato e senatore di Fratelli d'Italia.

«Il mio pensiero commosso va a Paolo Bonaiuti, appena scomparso dopo una lunga malattia. Mi unisco al dolore della moglie Daniela e dei familiari tutti». Lo scrive su twitter la vicepresidente della Camera, Mara Carfagna, deputata Fi.

«Trattengo il dolore e saluto Paolino Bonaiuti con la leggerezza che lui ci avrebbe chiesto in questo momento: lui era parte della 'Italia del sorriso' di Berlusconi, ossia un approccio serio ma non serioso alla politica, al governo, alla vita. È stato un personaggio straordinario, un uomo buonissimo, un giornalista di straordinario acume e valore». Così Gianfranco Rotondi ricorda Paolo Bonaiuti.
 

Ultimo aggiornamento: 19:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma