Migranti sui charter dalla Germania. Salvini: «Chiudo gli aeroporti». Berlino: nessun rimpatrio imminente

Domenica 7 Ottobre 2018
Migranti sui charter dalla Germania, Salvini: «Chiudiamo anche gli aeroporti»

Dopo aver chiuso i porti, ora Matteo Salvini minaccia di bloccare anche gli aeroporti e stoppa ogni ipotesi di incremento dei reingressi dalla Germania - o da qualunque altre paese dell'Unione europea - dei cosiddetti dublinanti, gli stranieri arrivati in altri Stati europei dopo esser stati registrati in Italia. «Se qualcuno a Berlino o a Bruxelles pensa di scaricare in Italia decine di immigrati con dei voli non autorizzati, sappia che non c'è e non ci sarà nessun aeroporto disponibile». 

Migranti, l'Italia prova a uscire dall'isolamento: asse con Berlino sulla missione Sophia

A scatenare le ire del vicepremier e ministro dell'Interno sono le notizie che arrivano da Berlino secondo le quali il governo tedesco sarebbe intenzionato ad accelerare le procedure di rientro, programmando nelle prossime settimane una serie di voli charter con destinazione Italia. Un'ipotesi che lo stesso ministero degli Esteri tedesco ha però smentito. «Nei prossimi giorni non è pianificato alcun volo per rimpatri in Italia» ha detto il portavoce sottolineando di essere intervenuto «eccezionalmente» sulla questione proprio per stoppare le «speculazioni»: «in genere non diamo informazioni concrete circa il momento programmato dei voli» poiché «comporterebbero la prevedibilità delle misure, mettendone a rischio la riuscita». L'accelerazione, vera o presunta, impressa dalla Germania ha però ricompattato la maggioranza gialloverde dopo giorni di fibrillazioni sulla distribuzione delle risorse contenute nel Def. Con l'altro vicepremier Luigi Di Maio che ha usato parole dure tanto quanto quelle del leader della Lega. «Questa cosa dei charter non so chi l'abbia autorizzata, perché sui secondary movement non è stato sottoscritto alcun accordo. - ha detto - Oppure si sta dicendo che noi possiamo rimpatriare africani sub-sahariani nei paesi dell'Africa senza nessun accordo? Se si sta sdogando anche questo principio ce lo dicano: a me non risulta si possa fare in Italia sui Paesi africani e quindi credo che non si possa neanche fare tra l'Italia e la Germania, che si sveglia la mattina e comincia i trasferimenti charter». 
 

Al di là delle schermaglie politiche e delle minacce, il problema comunque resta. E non è un caso che l'accordo tra Italia e Germania non sia ancora stato ratificato. Secondo Berlino sono circa 40mila i migranti che dovrebbero rientrare in Italia. Molti meno secondo Salvini che ha già posto due paletti: l'intesa non deve «portare anche un solo immigrato in più» in Italia e, soprattutto, «riguarderà il futuro: il pregresso non verrà ridiscusso». Al momento si andrà dunque avanti con la prassi seguita negli ultimi anni proprio perché non esiste in materia alcun accordo politico: i tedeschi possano rimandare ogni mese un gruppo di massimo 50 dublinanti su due aerei anche se in tutto il 2018 la media di quelli rimandati in Italia non ha mai superato le 25 persone al mese. E così dovrà essere, nelle intenzioni del Viminale, anche con i prossimi voli, che al momento sono programmati fino alla fine di novembre.
 

Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre, 07:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Portami al concerto trap». E la mamma prova a saltare

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma