CORONAVIRUS

Covid bond, Lega vota contro al Parlamento Ue: «Mai stati a favore». Pd e M5S divisi sul Mes

Venerdì 17 Aprile 2020
2
Mes, Pd e M5S si dividono al Parlamento Ue: i 5Stelle votano con Lega e FdI

La Lega vota contro i Covid bond al Parlamento Ue e finisce sotto attacco. Salvini «ama tanto dire #Primagliitaliani, si schiera a fianco di Paesi come l'Olanda e al Parlamento Europeo vota contro gli interessi del suo Paese», scrive su Fb il viceministro allo Sviluppo economico Buffagni. «Non siamo stati a favore degli Eurobond», si difende il Carroccio. Oggi l'Europarlamento ha votato una risoluzione i cui cardini sono i seguenti: l'introduzione di Recovery Bond garantiti dal bilancio Ue, l'esortazione agli Stati membri all'uso del Mes, no ai coronabond. Il testo è passato con 395 sì, 171 contrari e 128 astenuti.  Il Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo si è diviso sulla risoluzione per la crisi sul coronavirus: 10 si sono astenuti, mentre tre - Ignazio Corrao, Piernicola Pedicini e Rosa D'Amato - hanno votato contro. L'eurodeputata pentastellata Eleonara Evi non ha invece preso parte al voto.

LEGGI ANCHE Mes, Patuanelli: no è definitivo, non lo attiveremo mai. Salvini a Conte: fuorilegge chi va a Bruxelles senza voto Parlamento

Denuncia il coordinatore dei Verdi Angelo Bonelli: «Ieri nel Parlamento Europeo è andata in scena la fiera dell'assurdo che ha danneggiato e sbeffeggiato l'Italia. La Lega di Salvini ha detto no a un emendamento dei Verdi che chiedeva l'introduzione dei Coronabond, da istituire nel pacchetto Ue per rispondere alla crisi economica, votando insieme alle forze sovraniste e di destra che attaccano sistematicamente il nostro paese». 

Sul voto contrario della Lega ai Covid bond il viceministro al Mise Stefano Buffagni attacca Salvini su Fb: «Mentre l'Italia conduce negoziati difficilissimi per ottenere i Coronabond sui tavoli europei, scontrandosi con le resistenze dei Paesi del Nord, questo signore, che ama tanto dire #Primagliitaliani, si schiera a fianco di Paesi come l'Olanda e al Parlamento Europeo vota contro gli interessi del suo Paese. Fa rabbia, da italiano, perché con i voti della Lega quell'emendamento sarebbe stato approvato e oggi avremmo un'arma in più sui tavoli negoziali». «Da par mio, sono orgoglioso di essere fatto di una pasta diversa e di far parte di un Governo che sta facendo di tutto per i cittadini italiani, difendendo il proprio Paese con le unghie e con i denti. Salvini faccia ciò che crede, noi difenderemo l'Italia fino all'ultimo».


LEGGI ANCHE Matteo Salvini e la strategia contro Conte: c'è la mano del leader dietro le mosse di Fontana

Eurobond significa eurotasse, rinunciare alla sovranità fiscale, consegnare le chiavi di casa a Germania e Troika», replicano in una nota congiunta il presidente di Identità e democrazia (Id), Marco Zanni, e il capo delegazione della Lega al Parlamento Ue, Marco Campomenosi, che parlando di «vergognosa strumentalizzazione» del M5S per distogliere l'attenzione dalle disastrose scelte del governo Conte in Italia e in Europa. «L'accusa sarebbe quella di aver votato contro l'emendamento dei Verdi al Parlamento Ue sugli Eurobond: rivendichiamo che noi, a differenza del M5s e di Conte che cambiano idea ogni settimana, non siamo mai stati a favore dello strumento Coronabond, che corrisponderebbe alla totale cessione di sovranità all'Ue». «Anzi, indichiamo sin dal principio la proposta più semplice, ovvero un ruolo più attivo da vero prestatore di ultima istanza della Bce per comprare Btp. Una proposta - sottolineano - che M5s e Pd, sostenitori di Von der Leyen, Lagarde e sempre più inginocchiati al volere di Bruxelles e Berlino, colpevolmente non hanno mai voluto discutere, troppo impegnati a inseguire soluzioni inutili e dannose per gli italiani».
 

Pd e M5s si dividono al Parlamento Ue sul voto in plenaria a favore dell'attivazione del Mes, contenuto nella risoluzione sull'azione coordinata dell'Ue contro il Covid-19. Il Pd ha votato a favore del paragrafo 23 che invita i Paesi dell'eurozona ad attivare il Mes, mentre il M5s si è espresso contro. Contrarie anche Lega e Fratelli d'Italia. Hanno votato a favore Italia Viva e Forza Italia. Il paragrafo è passato con 523 sì, 145 contrari e 17 astensioni. La risoluzione nella sua interezza - depositata da Ppe, S&D, Renew Europe e Verdi - sarà votata oggi in plenaria. 

Ultimo aggiornamento: 18 Aprile, 10:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA