NICOLA ZINGARETTI

Mes, Zingaretti: «Dieci ragioni per dire sì. Possiamo avere risorse, basta tergiversare»

Lunedì 29 Giugno 2020
1
Mes, Zingaretti: «Dieci ragioni per dire sì. Possiamo avere risorse, basta tergiversare»

Mes, dieci ragioni per dire sì. È quanto sostiene Nicola Zingaretti in un post pubblicato stamani su Facebook. Ecco le dieci ragoni elencate dal segretario del Pd: 1. Investire nella ricerca; 2. Rivoluzionare e digitalizzare il settore sanitario; 3. Dare più centralità a medicina territoriale e distretti; 4. Dare più forza alla medicina di base; 5. Riformare i servizi per anziani e malati cronici; 6. Modernizzare e adeguare gli ospedali; 7. Aumentare gli investimenti nel personale sanitario; 8. Garantire l'accesso alle terapie; 9. Ampliare le borse di studio; 10. Aumentare i posti finanziati per gli specializzandi.

Azzolina, l'intervista: «BIanchi singoli in arrivo. Ingressi scaglionati in base alle fasce d’età»

Zingaretti scrive: «Ecco - puntualizza - 10 ragioni concrete per dire sì ai soldi europei senza condizionalità da investire per il sistema sanitario italiano: investire nella ricerca; rivoluzionare e digitalizzare il settore sanitario; dare più centralità a medicina territoriale e distretti; dare più forza alla medicina di base; riformare i servizi per anziani e malati cronici; modernizzare e adeguare gli ospedali; aumentare gli investimenti nel personale sanitario; garantire l'accesso alle terapie; ampliare le borse di studio; aumentare i posti finanziati per gli specializzandi». Secondo Zingaretti «il Mes è stato criticato e combattuto da molti, ma ora è uno strumento finanziario totalmente diverso da quello del passato. Le destre sono abituate a cavalcare i problemi e non a trovare soluzioni per risolverli. Il motivo? È semplice: sui problemi delle persone ci campano».

Voce unica e più solidarietà, Merkel alla prova della Ue

 

Ultimo aggiornamento: 15:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani