Medicina, arrivano i nuovi test (non sarà più solo un'unica prova). Ecco le regole e le date

Addio concorsone unico, dunque. Altra novità: le prove sono ripetibili. E si potrà iscrivere anche chi sta frequentando il quarto anno del liceo

Medicina, arrivano i nuovi test (non sarà più solo un'unica prova). Le regole e le date
3 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Dicembre 2022, 17:43 - Ultimo aggiornamento: 17:50

Il calendario è pronto, ai test manca poco. Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria, Medicina veterinaria. Dal 13 al 22 aprile e dal 15 al 22 luglio del 2023 le prime due sessioni, le altre due nel 2024, a febbraio e aprile

Il governo Meloni riprende in mano il dossier. E sceglie la via della continuità con l'esecutivo guidato da Mario Draghi. L'accesso ai richiestissimi corsi universitari di medicina, chirurgia e odontoiatria rimane a numero chiuso. Il ministero guidato da Anna Maria Bernini, dunque, ha ratificato quanto già deciso dalla precedente ministra Maria Cristina Messa. 

Non mancano però novità. Una su tutte: non ci sarà più solo una, ma ben due finestre per provare a passare il test. E' un cambio radicale rispetto agli anni scorsi, quando gli aspiranti dottori hanno dovuto sostenere una sola prova, solitamente a settembre.  Addio concorsone unico, dunque. Altra novità: le prove sono ripetibili. E si potrà iscrivere anche chi sta frequentando il quarto anno del liceo. 

 

Nei fatti però, come sottolinea il sito specializzato Skuola.net, la prova resterà una sola. Chi infatti deciderà di sostenerla in entrambe le finestre annuali per immatricolarsi potrà utilizzare il punteggio migliore tra i due test e indicare di conseguenza le sedi preferite in cui intende concorrere. Di più: chi tenterà di accedere a  uno dei tre corsi di laurea potrà iscriversi a una sola prova. 

Quanto al test, sarà più agile, almeno nel format: le domande scendono da 60 a 50, i minuti da 100 a 90. Quattro le principali sezioni: matematica e ragionamento, comprensione del testo e conoscenze maturate negli studi, fisica e chimica, biologia. Il nuovo test seguirà il modello del Tolc (Test OnLine Cisia), il modello usato da molti atenei per accedere ai corsi di laurea con un tetto agli iscritti. Un modo per interrompere il pellegrinaggio degli studenti che, bocciati al primo tentativo a Medicina, attendono un anno iscrivendosi nel frattempo in facoltà "affini". 

Più agile sarà anche la scelta della sede dove sostenere l'esame. Se prima il test andava sostenuto nella sede di prima scelta del candidato, da ora in poi non sarà più così. Sarà infatti possibile sostenere la prova nella sede più vicina a casa.

Tra le modifiche contenute nella riforma una riguarda la pubblicazione della graduatoria nazionale. Il prossimo anno sarà pubblicata il 5 settembre, con netto anticipo rispetto agli anni precedenti. Una soluzione che permette di evitare ritardi nell'avvio dell'anno accademico 2023-2024.

© RIPRODUZIONE RISERVATA