Mattarella: «L'Italia sa badare a se stessa nel rispetto di Costituzione e valori Ue»

Mattarella: «L'Italia sa badare a sè stessa». La risposta del Capo dello Stato sulla presunta vigilanza estera
3 Minuti di Lettura
Venerdì 7 Ottobre 2022, 17:48 - Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre, 00:05

Il Capo dello Stato Sergio Mattarella si è espresso sul tema delle ingerenze estere: «L'Italia sa badare a se stessa nel rispetto della sua Costituzione e dei valori dell'Unione europea». Era una risposta che ha dato a un giornalista ad Alba, in Piemonte, che gli chiedeva di commentare le affermazioni circa la "vigilanza" dei Governi stranieri sull'Italia. 

Il presidente si trova ad Alba dove ha partecipato alla commemorazione dello scrittore Beppe Fenoglio. È stato in piazza Vittorio, al Teatro Sociale, in visita ufficiale, in occasione del centenario della nascita dello scrittore, nel bicentenario della nascita del ministro Michele Coppino e nella giornata inaugurale della 92/a Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba.

Giorgia Meloni contro la ministra francese Boone: «Su diritti e libertà ingerenza inaccettabile»

Ingerenze estere, cosa è successo oggi

Giorgia Meloni affretta i tempi per la definizione della squadra ma continua a guardare all'Europa, alzando dei paletti. Al ministro francese Laurence Boone che avrebbe detto di voler vigilare sul «rispetto dei diritti e delle libertà in Italia» chiede di smentire la dichiarazione perché altrimenti sarebbe un'«inaccettabile» minaccia d'ingerenza esterna «contro uno Stato sovrano, membro dell'Ue». «L'era dei governi che chiedono tutela all'estero - avverte la leader di FdI - è finita». Una presa di posizione molto netta che trova il plauso nel centrodestra e la condivisione di Carlo Calenda che invita i francesi a farsi «i fatti loro». Ma soprattutto trova un sigillo da parte del Capo dello Stato Sergio Mattarella: «L'Italia sa badare a se stessa nel rispetto della Costituzione e dei valori dell'Unione europea». Intanto, a margine del vertice informale di Praga, Mario Draghi assicura che da parte dei partner Ue «c'è curiosità», nei confronti dell'Italia, come sempre «quando cambia un governo», ma «non preoccupazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA