CORONAVIRUS

Coronavirus, su bus e metro ok a foulard e sciarpe in alternativa alle mascherine: via libera di Boccia e Arcuri

Mercoledì 29 Aprile 2020 di Simone Canettieri
Coronavirus, su bus e metro ok a foulard e sciarpe in alternativa alle mascherine: via libera di Boccia e Arcuri

Sugli autobus chi non avrà la mascherina potrà coprirsi il volto anche foulard e sciarpe. La conferma è arrivata adesso dal commissario per l'emergenza Domenico Arcuri e dal ministro Francesco Boccia in videoconferenza con i governatori per affrontare il tema Fase 2 del Coronavirus in Italia.

LEGGI ANCHE Coronavirus Roma, inizia la fase 2 su bus e metro: da oggi cartelli e divisori per i passeggeri

La Protezione civile sta definendo due nuovi bandi di reclutamento - dopo quelli per medici,
infermieri e operatori sanitari -, destinati a diplomandi e disoccupati, per attività sociali. La proposta è stata illustrata dal ministro degli Affari regionali Francesco Boccia nella video riunione con le Regioni sulla Fase 2 dell'emergenza coronavirus, secondo quanto si apprende.
 


In particolare un bando verrebbe lanciato a giugno per i maturandi - un bacino di oltre 400 mila ragazzi - per il periodo 1 luglio-31 agosto: obiettivo dare una mano con Regioni e Comuni a nuclei familiari in difficoltà e a chi non può o non vuole uscire di casa.

LEGGI ANCHE Fase 2, allerta nuovo esodo verso Sud dal 4 maggio: treni e aerei già pieni. De Micheli: 3 milioni in movimento

Insomma assistenti civici a sostegno alla parte più debole della popolazione. Il secondo bando sarebbe riservato a chi non ha vincoli lavorativi (anche percettori di reddito di cittadinanza o chi usufruisce di ammortizzatori sociali) per attività sociali, tutti su base volontaria per collaborare al rispetto del distanziamento sociale. Si raccoglierebbero le disponibilità e poi su base regionale verrebbero impiegati con il coordinamento della Protezione civile.
 

Ultimo aggiornamento: 16:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani