COVID

Marche zona gialla da domenica 6 ma serve ancora cautela: 9 morti per Covid in 24 ore

Venerdì 4 Dicembre 2020
Marche zona gialla da domenica 6 ma serve ancora cautela: 9 morti per Covid in 24 ore

Le Marche tornano zona gialla da domenica 6, dopo oltre 20 giorni in 'arancione'. L'annuncio, nel pomeriggio, del presidente della Regione Francesco Acquaroli: «Finalmente è arrivata la conferma che tutti aspettavamo». La soddisfazione per questa notizia, ammonisce però il governatore, «non deve essere considerata come esenzione da ogni responsabilità». Il virus «continua a circolare e ogni giorno registriamo un numero di positivi ancora cospicuo».

Per questo Acquaroli invita i cittadini, se non necessario a «evitare luoghi di potenziale affollamento» all'impegno «massimo per far sì che la nostra regione resti stabilmente in fascia gialla»: «il colore della nostra regione è nelle vostre mani. Vi prego di aiutarci!». La cautela del governatore parte dai dati dei contagi non entusiasmanti. Nell'ultima giornata nelle Marche rilevati 492 positivi su nuove diagnosi 'molecolari' (1.625); altri 42 casi nel percorso screening Antigenico (1.222 test rapidi) e da confermare con tampone molecolare. In tutto testati 4.817 tamponi (1.970 percorso guariti). 

Tra i 492 positivi da tamponi il numero più alto in provicia di Macerata (167 casi); 105 i casi a Pesaro Urbino e 92 ad Ancona; 64 contagiati con sintomi. Si dibatte anche sul futuro vaccino che, secondo Matteo Ricci, sindaco di Pesaro e presidente di Ali-Autonomie Locali Italiane «deve essere obbligatorio o va predisposto un sorta di patentino Covid free che attesti la vaccinazione per accedere ai servizi pubblici, culturali, sportivi o alle attività commerciali»; «abbiamo lanciato una raccolta di firme tra gli amministratori di tutta Italia per chiedere al Parlamento e al governo di decidere sull'obbligatorietà della vaccinazione». Proseguono i controlli sul rispetto delle disposizioni anti-contagio.

A San Benedetto del Tronto la polizia ha multato una coppia: un uomo positivo sorpreso in strada a passeggiare con il proprio cane e che si accingeva a fare la spesa in un centro commerciale; la compagna incinta che non era in casa quando gli agenti lo hanno riaccompagnato. Ma spiccano anche iniziative benefiche: erogati oggi i primi fondi di 'Sempre con Voi', iniziativa lanciata dalla famiglia Della Valle, alle prime 60 famiglie di medici e infermieri, che hanno perso la vita per gestire l'emergenza Covid-19. L'ultima giornata è stata segnata da altre nove persone decedute (6 uomini e 3 donne tra i 64 e i 91 anni): il bilancio di vittime nelle Marche sale a 1.314. Tre le vittime provenienti dalla provincia di Pesaro Urbino, tre del Maceratese, tra cui un 64enne di Corridonia senza patologie pregresse, due della provincia di Ancona e una del Fermano.

Migliora ancora il quadro dei ricoveri per Covid-19. Nelle ultime 24ore sono passati da 614 a 605 (-9): 6 pazienti in meno nei reparti Semintensivi (da 148 a 142), uno in meno in Terapia intensiva (da 88 a 87), -2 nei reparti non intensivi (da 378 a 376); 36 le persone dimesse. Diminuisce il numero di assistiti nei Pronto soccorso (da 33 a 28, -5). In aumento gli ospiti di strutture territoriali (258, +7). I positivi in isolamento domiciliare sono 18.756, +421).

© RIPRODUZIONE RISERVATA