GIUSEPPE CONTE

Aumenti Iva, scontro nel governo:
vertice notturno, ma nessuna intesa

Domenica 29 Settembre 2019
3
Il premier Giuseppe Conte e il ministro Roberto Gualtieri

Non sono bastate 4 ore di vertice a Palazzo Chigi a chiudere l'intesa di governo sul Def. La riunione convocata in nottata dal premier Giuseppe Conte vede attorno al tavolo, con il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, i capi delegazione Luigi Di Maio (M5s), Dario Franceschini (Pd), Roberto Speranza (Leu), Teresa Bellanova (Iv) e il sottosegretario Riccardo Fraccaro (M5s). La discussione si apre assai tesa, per il no di Di Maio (e Renzi) a ogni aumento dell'Iva, con toni «ultimativi» stigmatizzati da Franceschini. Ad agitare la maggioranza è il nodo delle risorse per la manovra: dove trovare i fondi per scongiurare aumenti selettivi dell'Iva, senza far salire il deficit oltre il 2,2% del Pil. Ma il vertice notturno, a quanto si apprende, non sarebbe stato risolutivo: «Ci sono ancora molte ipotesi in campo», spiega una fonte. Alle 2 i ministri si salutano con l'idea di tenersi in contatto: si lavorerà tutto il giorno per trovare una quadra in vista del Cdm previsto alle 18.30. E c'è chi continua a premere perché il deficit venga alzato dal 2,2% ad ora ipotizzato, fino al 2,3% o 2,4% per liberare risorse che evitino di alzare l'Iva.

Le divergenze, tenute sotto traccia fino all'ultimo, emergono con nettezza a poche ore del Consiglio dei ministri. Luigi Di Maio dice no a qualsiasi aumento dell'Iva, rilancia con il salario minimo in manovra e frena anche su un tema caro al Pd come lo ius culturae. Lo fa dagli schermi Tv, poco prima di andare a Palazzo Chigi, per il vertice di governo convocato alle 22. E Dario Franceschini detta una nota durissima: «Credo le sue parole impegnino il Movimento, non certo la maggioranza».

Giuseppe Conte ha convocato, quindi, in nottata, per la prima volta, tutti gli azionisti di maggioranza, incluso Italia viva, il partito di Matteo Renzi rappresentato da Teresa Bellanova. Il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri è arrivato a Palazzo Chigi prima degli altri ministri: c'è da limare il documento che definirà i contorni della manovra. Poco prima delle dieci arrivano alla spicciolata i rappresentanti di M5S, Di Maio e Riccardo Fraccaro, sottosegretario alla presidenza, Franceschini per il Pd, Roberto Speranza per LeU e la «debuttante» Bellanova. Il nodo più spinoso è proprio quello dell'Iva, che divide profondamente gli alleati di governo. Non solo Di Maio dice no ad ogni aumento, ma Matteo Renzi assicura che farà «tutto il possibile» per evitarli e poiché Iv è determinante al Senato, il suo no somiglia a un veto. 

LEGGI ANCHE Manovra, le misure: nuovi asili nido, primo stop superticket. Si studiano cuneo fiscale e calo Iva

Dubbi erano trapelati anche dalle fila del Pd. E non bastano le parole del ministro Gualtieri, che in tv rassicura che non c'è niente di deciso e alcune aliquote saranno abbassate: il tema Iva alza la tensione nella vigilia di Consiglio dei ministri sul Def. Creando un problema non da poco sul fronte delle risorse: i ritocchi selettivi all'Iva servirebbero a reperire risorse per coprire le misure, ferma restando l'intenzione di Gualtieri di non andare oltre il 2,2% di deficit. Ma nella maggioranza non solo M5S ma anche Iv e parte del Pd spingono per alzare l'asticella portando il deficit almeno al 2,3%. 
 


«L'Iva non può aumentare, nè nell'aliquota minima, nè nell'intermedia, nè in quelle più alte», afferma Di Maio, con toni ultimativi. «Se poi vogliamo far pagare meno Iva a chi usa le carte di credito va benissimo», aggiunge. Mentre dal Pd c'è chi propone interventi alternativi, come l'ex renziano Tommaso Nannicini: «Si metta mano a quota 100», è l'idea. Il vertice nella notte serve a trovare una difficile quadra. Ma non aiutano le parole di Di Maio, che rilanciano su un tema caro al M5S ma difficile da affrontare come il salario minimo e soprattutto rinviano a data da destinarsi un tema forte del Pd come la cittadinanza ai bambini figli di stranieri. Tanto che Franceschini, finora prudente, interviene con durezza: le sue «posizioni ultimative» non impegnano la maggioranza.

Ultimo aggiornamento: 1 Ottobre, 07:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma