M5s e Conte, la sentenza di Napoli a chi conviene? Ecco i 5 scenari che si aprono ora

Big bang M5s: ecco le tre ipotesi in piedi

M5s e Conte, la sentenza di Napoli a chi conviene? Ecco i 5 scenari che si aprono ora
di Mario Ajello
4 Minuti di Lettura
Martedì 8 Febbraio 2022, 11:13 - Ultimo aggiornamento: 11:27

Ritorna in campo il Fondatore. Beppe Grillo con un post esordisce di nuovo come leader M5S e dà la linea dopo il disastro della cancellazione giudiziaria della presidenza di Giuseppe Conte. Scrive così Grillo:  «La situazione è molto complicata, ma le sentenze si rispettano. Parlerò con Conte». E ancora il Fondatore: «Nel frattempo, invito tutti a rimanere in silenzio e a non assumere iniziative azzardate». Prende tempo Grillo. E a questo punto gli scenari che si aprono per i 5 stelle sono proprio cinque.

Conte, la sentenza a chi conviene?

 

Il primo: è quello già attivo, ovvero il ritorno - obtorto collo - di Beppe ad occuparsi della sua creatura e soprattutto a caricarsi un’altra volte sulle spalle le beghe legali del movimento e questa scenario numero uno da tempo dilatato significherà che la sua reggenza di fatto potrebbe durare a lungo. Così: il Fondatore che diventa Commissario di M5S, l’Elevato tornato sulla terra a cui tocca agire da segretario di partito e da unico punto fisso nel marasma generale.

Scenario numero due: Grillo insiste su Conte, lo fa votare non su Rousseau ma su SkyVote, come l’altra volta, quella ora azzerata dai giudici napoletani, e il popolo grillino in piena nemesi - ossia con una rivolta anti-giudici - ristabilisce via clic la leadership dell’avvocato detronizzato ma non arreso.

Conte, il Pd si ritrova senza sponda: un errore puntare solo su di lui

Farà Beppe questo piacere a Giuseppi? Difficile, alla luce del post di oggi in cui davanti alla volontà di Conte di ristabilire subito la propria presidenza, con annesse vicepresidenze contianissime il Fondatore dice che «serve tempo» e allunga il brodo nel quale può cuocere e bollirsi l’ex premier. Scenario numero 2: Grillo sceglie e poi lo fa votare su Rousseau (altro dispiacere per Conte che detesta Casaleggio e vive terribilmente il ritorno in scena della piattaforma di Davide) un nuovo Direttorio come da vecchio statuto pre-contiano e a quel punto la leadership diventa allargata e tutti i big l’uno contro l’altro ci possono giocare dentro.

M5S, sospesa l’elezione di Conte, al vertice torna Grillo: «Ma il vero leader resto io»

Scenario numero tre: Conte molla, si ritira prima sull’Aventino e poi fa il suo partito post-M5S come i suoi consiglieri più fidati gli dicono di fare da tanto tempo invece di impelagarsi nell’impazzimento del movimento stellato. Scenario numero quattro: grazie al tempo concesso da Grillo - che ha sempre e solo considerato Di Maio un possibile leader e mai ha amato Conte: «Non ha visione politica né capacità manageriali» - il ministro degli Esteri organizza il suo esercito tra i parlamentari, molti dei quali sono già con lui, e gioca la partita in proprio o più probabilmente sceglie la carta Raggi per farla votare dal popolo web, innamoratissimo di Virginia, alla testa del Direttorio. Ovvero, la tenaglia Luigi-Virginia si prende il movimento con lei leader e lui regista e la benevolenza discreta di Grillo. Scenario numero 5: vince lo stallo tra i litiganti, Conte si avvia all’uscita e Crimi - l’eterno Rocco, quello che fu soprannominato «il gerarca minore» - fa da reggente chissà per quanto e chissà di che cosa, visto che la galassia grillina  a quel punto non esisterà più se non come polvere di stelle.

Grillo sul caos M5S: «Sentenze si rispettano, mi confronterò con Conte»

© RIPRODUZIONE RISERVATA