GIUSEPPE CONTE

M5S, imbarazzi e silenzi. Di Maio affronta gli ex: «Oggi c'è un'altra luce»

Martedì 10 Settembre 2019 di Simone Canettieri
M5S, imbarazzi e silenzi. Di Maio affronta gli ex: «Oggi c'è un'altra luce»

A tratti sembra imbalsamato. Silenzioso. A prima vista imperturbabile. Forse un po' mogio. Chissà se suda, chissà a cosa pensa. Le mani sui banchi, una sopra l'altra. Usate come tamburelli. Posa andreottiana, grande complimento. Ecco, Luigi Di Maio in Aula, a Montecitorio. Tavolo del governo: il titolare della Farnesina è stretto tra il premier Giuseppe Conte e Dario Franceschini. Strana la vita, eh. Fuori dal Palazzo c'è Matteo Salvini.

Di Maio, la fidanzata Virginia: «Dietro la carica c'è l'uomo, mi auguro ci sia più garbo»

Anche lui trasfigurato nel volto dopo questo mese pazzesco. Eppure, in un passato non tanto remoto i due, «Luigi e Matteo», erano un corpo solo (vi ricordate il murales del bacio?). Si capivano con un messaggino la mattina. Organizzavano consigli dei ministri o nomine con un'emoticon. Si favoleggiava - nei settimanali patinati - di uscite a quattro, con le rispettive fidanzate, Virginia e Francesca. Niente, tutto passato: la situazione è precipitata e siamo qui. Ma Virginia Saba, la fidanzata M5S, c'è, e se lo guarda dalla tribuna. Si scrivono. Il leader grillino passa la sua giornata da capo delegazione della maggioranza relativa inseguito dai video che la bestia salviniana rilancia come un disco rotto: «Mai con il partito di Bibbiano!».

Conte l'ex populista diventa avvocato delle 2 sinistre. Quel grido: «Venduto!»

Fiducia, il discorso di Conte tra Saragat, Einaudi, Togliatti e Aldo Moro
 

E va bene, cose che capitano. «Guardiamo avanti: adesso il problema è un altro. Questi del Pd ci stanno già mettendo sotto nelle trattative», dice un potente sottosegretario grillino che punta alla riconferma. Ma c'è tempo - poco - per pensare alle poltrone. In Aula il ministro degli Esteri si ritrova a fare i conti con i siluri della Lega e gli applausi del Pd. Allora Di Maio sembra un po' quei giocatori a cui capita di segnare un gol contro la loro ex squadra, ma che per pudore non esultano, niente curva. Sobrietà. Dirà durante la giornata ai suoi collaboratori: «Concentriamoci sui temi, andiamo avanti sui progetti. Oggi ho visto una nuova luce negli occhi dei nostri parlamentari».

CORRERE
Dopo dodici ore di dibattito in aula, con movimenti impercettibili e strette di mano ai colleghi del Pd, il leader del M5S commenta il primo voto. Ma si affida a Twitter: «Bene la fiducia alla Camera. Massimo sostegno alle parole del presidente Conte. M5S ha idee chiare: lavoro, imprese, ambiente, scuola, famiglia sono priorità. Ma anche taglio parlamentari e revoca concessioni autostradali. E' il momento di correre, è il momento del coraggio. Ci siamo!». Quasi per uno scherzo del destino, a momenti Di Maio non votava la fiducia: dopo due chiamate a vuoto ha fatto giusto in tempo per non bucare l'appuntamento. Sarebbe stata una notizia. C'è chi avrebbe messo in collegamento l'intoppo con un moto del subconscio di «Luigi».

Solo chi lo ha seguito in questi giorni sa quanto gli sia costato fare l'accordo con il Pd. Ma ormai tutti - da Conte a Fico passando per l'implacabile Grillo - lo avevano convinto con le buone e le cattive. Ora òo preoccupa la reazione della Lega, questo sì. Lo tormenterà sui social. «Dovrò essere il ministro dell'Armonia, perché con questa opposizione sarà dura», dice Federico D'Inca, ministro dei rapporti con il Parlamento. C'è un po' di nostalgia gialloverde in Transatlantico. «In fin dei conti in commissione Difesa non lavoravamo male», raccontano le parlamentari M5S. Il primo a saperlo - se non fosse stato per le europee - è proprio Di Maio. Che adesso si trova a trattare con il Pd e poi a mediare con Conte, non più quell'avvocato morbido e malleabile di un tempo. Il clima è tale che il leader, forse un po' dimezzato, non vuole sbagliare un colpo. E quindi vuole «allargare il più possibile» il campo delle decisioni ai parlamentari per nominare i nuovi sottosegretari. Intanto, centellina le parole. Le ultime dichiarazioni il giorno di Rousseau che decretò il sì al Pd. Poi il silenzio e qualche foto importante: tipo quella con la delegazione M5S alla Farnesina (messaggio a Conte). Per il resto moderazione, totale. Peccato che in serata si affacci Chalencon, uno dei referenti dei Gilet Gialli per ricordargli «di avere la spina dorsale». Di Maio non si scompone. E oggi rivede Salvini in Senato.

Ultimo aggiornamento: 15:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma