Elezioni europee, per la Lega liste last minute: a rischio il veterano Borghezio

L'eurodeputato della Lega, Borghezio
2 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Aprile 2019, 22:17

Matteo Salvini, capolista in tutte e cinque le circoscrizioni, sta limando i nomi, alle prese con l'alternanza uomo-donna, e tutto lascia presagire che le scelte saranno rese note solo mercoledì sera, all'ultimo momento utile. Nel frattempo, tra le novità dell'ultima ora, ci sarebbe la decisione di tenere fuori dalle liste almeno un paio di eurodeputati uscenti. A pagare per il turnover dovrebbero essere due leghisti della prima ora, come Mario Borghezio e Giancarlo Scottà, a Bruxelles dal 2009, subentrato al collega di partito Lorenzo Fontana diventato ministro della famiglia. Intanto da sabato continua in via Bellerio il via vai dei candidati, convocati per le formalità.

Tra i nomi che sembrano entrare in lista in extremis anche Heidi Andreina, ex sindaco di Credaro, nel Bergamasco e Marco Racca, leghista di Savigliano, nel Cuneese, solo omonimo del coordinatore piemontese di Casapound. Da Nord a Sud è forte il partito dei sindaci: come Susanna Ceccardi, sindaca di Cascina, Dante Cattaneo, sindaco di Ceriano Laghetto, in Brianza, Stefano Locatelli, sindaco di Chiuduno, nel Bergamasco, e Isabella Tovaglieri, vicesindaco di Busto Arsizio.

Con Salvini dovrebbe correre anche l'amico Massimo Casanova, titolare del Papeete beach di Milano Marittima, il giornalista Fabio Dragoni, la presidente di Eurexit Francesca Donato e Marco Campomenosi, vice segretario generale del gruppo Enf a Bruxelles. Dentro il banchiere Valentino Grant e l'economista euroscettico Antonio Maria Rinaldi, nella circoscrizione del centro. In lista, al sud, trova posto anche il 'talebanò Vincenzo Sofo, ideologo sovranista e fidanzato di Marion Le Pen, nipote di Marine. Certi Marco Zanni, uomo macchina a Bruxelles, attuale responsabile esteri e proveniente dai Cinque Stelle, Alessandro Panza, capo dell'organizzazione di via Bellerio e Paolo Borchia, coordinatore federale di 'Lega nel Mondò. Tutti e tre vicinissimi a Salvini.

Nella circoscrizione Nordovest in pole l'imprenditrice Gianna Gancia, ex presidente della provincia di Cuneo e Laura Molteni, consigliera comunale a Milano. Per la circoscrizione insulare corre almeno uno tra Igor Gelarda e Fabio Cantarella, plenipotenziari del Carroccio in Sicilia. Nell'isola il nome che circola è quello della messinese Daniela Bruno. In Sardegna certo che Salvini restano coperti i nomi di un paio di dirigenti del Partito sardo d'azione che correranno per il Carroccio, ripetendo il modello di allenza tra Lega e autonomisti, che ha portato già alla vittoria di Solinas alla Regione. Infine in lista dovrebbero trovare posto i tre eurodeputati uscenti Ciocca, Bizzotto e Lancini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA