Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

​​Legittima difesa, Salvini: «Ascolto il Colle ma è legge dello Stato»

Legittima difesa, Salvini: «Ascolto il Colle ma è legge»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 26 Aprile 2019, 13:17

«Io ascolto con interesse estremo i rilievi del capo dello Stato, ma la legittima difesa è legge dello Stato e i rapinatori da oggi sanno che se entrano in una casa, un italiano può difendersi senza rischiare di passar anni davanti a un tribunale in Italia». Lo ha affermato Matteo Salvini dopo avere concluso un comizio nel Catanese. «Questa legge - ha aggiunto - rende il mestiere dei rapinatori più pericoloso di quello che era ieri».

«Ricorso alla Consulta? Vorrei vedere - ha osservato il ministro - qualche giudice della Consulta, dio non voglia, che si trovasse qualcuno in casa armato e sta lì a sfogliare il Codice penale prima di difendere se stesso e i figli. Siamo seri. Chi entra in casa altrui armato, da oggi ne paga le conseguenze. La legge è legge, oggi in Italia fare il rapinatore è più pericoloso rispetto a ieri».

«Bellissima notizia per gli italiani perbene e pessima per i delinquenti: come avevamo promesso, da oggi la legittima difesa è legge dello Stato! Grazie al presidente della Repubblica. Noi stiamo dalla parte di chi si difende». Lo afferma il ministro dell'Interno, Matteo Salvini.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA