CORONAVIRUS

Coronavirus, per permettere i lavori parlamentari
Montecitorio valuta la "Camera diffusa"

Martedì 31 Marzo 2020
Un'aula parlamentare
La giunta del regolamento della Camera si è riunita oggi per valutare le modalità organizzative di aula e commissioni vista l'emergenza Coronavirus. Tra i temi anche quello del voto a distanza che però, riferiscono fonti parlamentari all'Adnkronos, non avrebbe preso piede.

Piuttosto, a quanto si apprende, la presidenza sta valutando l'ipotesi suggerita da Federico Fornaro di Leu di prevedere più spazi per i lavori d'aula: l'emiciclo, le tribune e anche l'auletta dei gruppi che sarebbe videocollegata con l'aula di Montecitorio. Insomma, una sorta di "aula diffusa"nel palazzo per garantire la distanza di sicurezza tra i parlamentari.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani