Biden: «Clima, emissioni zero entro il 2050; deluso da Cina e Russia». E sul nucleare pronti a rispondere all'Iran

La commozione per il figlio scomparso: «Papa Francesco un pilastro fondamentale»

Biden: sul clima emissioni zero entro il 2050; investimento Usa da 900 miliardi
6 Minuti di Lettura
Domenica 31 Ottobre 2021, 20:39 - Ultimo aggiornamento: 1 Novembre, 16:06

«Grazie all'Italia per il G20 e l'ospitalità, grazie a Draghi che ha fatto un grandissimo lavoro nel presiedere questo evento in un anno difficile segnato da grandi sfide globali, con risultati tangibili su clima, pandemia ed economia»: lo ha detto il presidente americano Joe Biden nella conferenza stampa in chiusura del G20 di Roma. Rispondendo a una domanda sul cambiamento climatico, il presidente ha detto: «Per prima cosa posso dire che il mio piano Build back better passerà e verrà approvato. Si tratta di 900 miliardi di dollari per il clima, uno degli investimenti più grandi del mondo. Credevate che non potesse accadere, ora siete sorpresi visto che si appresta ad andare in porto: vedremo alla fine della prossima settimana se verrà approvato dal Congresso. Il piano infrastrutturale prevede sgravi importanti per investimenti su veicoli elettrici, parliamo di un impegno pari a 230 miliardi di dollari». Poi ha aggiunto: «Abbiamo avuto incontri molto seri e produttivi nei giorni scorsi e continueremo a Glasgow per Cop26. Quello che abbiamo visto qui a Roma credo sia la forza dell'America, che lavora con i nostri partner e alleati per fare progressi sulle questioni che riguardano tutti noi, per risolvere i problemi». Soddisfazione per il fatto che il G20 abbia sostenuto l'accordo sulla minimum tax globale. 

Quanto ai combustibili fossili, serviranno ancora a lungo, ha spiegato Biden: «Bisognerà andare avanti almeno per un po' di anni per marcare questo passaggio storico», ha spiegato il presidente. Il cambiamento non accadrà velocemente: «Non passeremo alle energie rinnovabili dal giorno alla notte, intanto smetteremo di finanziare il carbone. Non è realistico smettere di usare benzina e gas all'improvviso, ma arriveremo ad emissioni zero entro il 2050», ha detto ancora il presidente.

Biden arriva al G20 per la seconda giornata del summit, le imponenti misure di sicurezza

I segreti della Bestia, l'auto del presidente Usa. "Cadillac One": un bunker su 4 ruote. Ha blindature spesse più di 20 cm

Delusione per Cina e Russia

La «delusione» riguardo ai risultati del G20 sul fronte del clima è «collegato al fatto che la Russia e la Cina non si sono prestati a nessun impegno sui cambiamenti climatici, capisco la delusione, anche io l'ho trovato deludente». La «delusione» riguardo ai risultati del G20 sul fronte del clima è «collegato al fatto che la Russia e la Cina non si sono prestati a nessun impegno sui cambiamenti climatici, capisco la delusione, anche io l'ho trovato deludente». Biden ha sottolineato comunque che «si sono fatti progressi significativi», anche se molto resta da fare, ha concluso, ribadendo che bisogna essere «concentrati su quello che la Russia, la Cina e l'Arabia Saudita non stanno facendo». Sul nucleare, Biden ha detto che gli Stati Uniti «continuano a soffrire» per le decisioni «molto brutte» dell'ex presidente Donald Trump di uscire dall'accordo sul nucleare con l'Iran, sottolineando comunque che «adesso dipende tutto dalla volontà di Teheran di rispettare l'accordo». E se l'Iran lancerà attacchi con droni o porterà a termine altre provocazioni, gli Stati Uniti - ha concluso sul punto Biden, «risponderanno». 

Video

Le difficoltà sulla catena degli approvvigionamenti

«Il Covid ha avuto serie conseguenze sulla catena degli approvvigionamenti. L'economia sta cambiando e gli Stati Uniti devono tenere il passo». Joe Biden ha poi invitato 14 Paesi del G20 ad intervenire per risolvere le strozzature della catena di fornitura rendendola «diversificata», «sicura» e «trasparente» e ha annunciato che il segretario di stato Antony Blinken presiederà all'inizio del prossimo anno un summit per riunire le parti chiave coinvolte e tracciare una via da seguire. Lo rende noto la Casa Bianca. «Ora che abbiamo visto quanto vulnerabili possono essere queste linee del commercio globale, non possiamo tornare al 'business as usual'», ha ammonito, svelando alcune nuove misure da lui intraprese. Tra queste lo stanziamento di ulteriori fondi per aiutare i partner americani a ridurre la congestione nei porti, anche snellendo la burocrazia.

La commozione nel ricordo del figlio scomparso

«Papa Francesco è un uomo perbene e di grande empatia», che «comprende che gran parte della cristianità è aprirsi e perdonare», un «uomo che lotta per la pace non solo nella chiesa cattolica ma nel mondo»: Joe Biden torna a elogiare il pontefice nella sua conferenza stampa a chiusura del G20, dopo aver ricevuto nella sua storica visita in Vaticano disco verde sulla comunione, nonostante le obiezioni di vari vescovi cattolici conservatori americani per la sua posizione favorevole alla legge sull'aborto. Ma per il presidente il rapporto col Santo Padre è qualcosa di «molto personale», come ha raccontato visibilmente commosso, quasi tra le lacrime, davanti a decine di giornalisti. «Papa Francesco - ha detto - è diventato una persona che ha dato grande conforto alla mia famiglia quando mio figlio è morto». «Ci è stato davvero di grande sollievo quando ho perso una parte della mia anima, mio figlio Beau», ha proseguito con la voce rotta, ricordando quando il Papa nel suo viaggio in Usa nel 2015 incontrò l'intera famiglia Biden poco dopo la scomparsa del figlio Beau, stroncato da un tumore al cervello, e pregò con tutti loro a Filadelfia prima di ripartire. «Parlò per 15 minuti e non in modo generico, sapeva che uomo fosse mio figlio», ha rievocato. «Papa Francesco - ha confessato - è diventato, e non voglio esagerare, un pilastro fondamentale. Per me, per la mia famiglia, e per tante altre famiglie. Un personaggio di riferimento nella chiesa cattolica, che esprime unità nella differenza. Un principio chiave, assolutamente genuino e autentico». «Mi ha sempre accolto a braccia aperte. Non ha criticato, giudicato, ha sempre avuto un impatto empatico. Non ha mai espresso giudizi. Cerca di stabilire la pace. È un simbolo della Chiesa che abbraccia le differenze», ha sottolineato ancora Biden, senza dimenticare la telefonata che gli fece all'indomani della vittoria nelle elezioni «per dirmi quanto apprezzasse il mio lavoro per le persone più fragili».

© RIPRODUZIONE RISERVATA