Italia e Cina, l'ambasciatore cinese a Roma: «Rinunciare a pregiudizi, più dialogo e cooperazione»

Italia e Cina, l'ambasciatore cinese a Roma: «Rinunciare a pregiudizi, più dialogo e cooperazione»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Giugno 2021, 18:28 - Ultimo aggiornamento: 18:30

L'ambasciatore cinese a Roma, Li Junhua, fa il punto sulle relazioni bilaterali tra Roma e Pechino in un'intervista all'Adnkronos, dopo che nei giorni scorsi, a conclusione del G7, il premier Mario Draghi aveva parlato della Cina come di un'autocrazia con cui bisogna cooperare, ma essendo franchi su ciò che non condividiamo. Tra Italia e Cina possono esserci divergenze su alcuni temi, come è normale che sia tra partner e amici, ma per superarle servono più «dialogo e cooperazione», commenta l'ambasciatore, che esorta a «rinunciare ai pregiudizi ideologici per continuare a percorrere la via della cooperazione e della coesistenza pacifica».

La Rotta Artica e Suez, Assunta Di Vaio: «Per vincere la scommessa i Paesi europei facciano rete»

Li Junhua: «Interessi dei Paesi fortemente intrecciati»

«Cina e Italia hanno stabilito relazioni diplomatiche oltre 50 anni fa e, in qualunque modo sia cambiata la situazione internazionale, i due Paesi hanno sempre perseguito reciprocamente rispetto e fiducia, benefici e vantaggi, aiuto e assistenza - ricorda l'ambasciatore - Cina e Italia hanno storie, culture e sistemi diversi, ma entrambi sono partner strategici globali. Questa definizione non solo reca beneficio ai popoli di entrambi i Paesi, ma costituisce anche un esempio per gli altri Paesi». Li ricorda quanto successo lo scorso anno, con Cina e Italia «gravemente colpite dall'epidemia, ma insieme abbiamo reagito alla crisi sanitaria pubblica, impegnandoci a promuovere una cooperazione concreta».

«La Cina è il maggiore partner commerciale italiano in Asia, lo scorso anno il volume degli scambi ha superato i 55,1 miliardi di dollari; nel contesto dell'epidemia, le due parti hanno anche firmato una serie di nuovi accordi sull'esportazione in Cina di prodotti agricoli e, in termini di quantità, l'Italia è al primo posto tra i Paesi dell'Unione Europea; inoltre, il prossimo anno i due Paesi riprenderanno l'Anno della Cultura e del Turismo Italia-Cina», sottolinea ancora il diplomatico, che esprime l'auspicio di «valorizzare le potenzialità della cooperazione in ogni ambito e di spingere le relazioni bilaterali a un livello superiore».

«Tra partner e amici esistono divergenze su alcune questioni, come è normale e naturale che sia - ammette Li all'Adnkronos - dimostrando che dovrebbero esserci da entrambe le parti maggiore dialogo e comunicazione. Questo è il solo modo corretto per un'autentica coesistenza». L'ambasciatore cita il presidente Xi Jinping, secondo cui «le differenze nella storia, nella cultura e nei sistemi sociali dei vari Paesi non sono motivo di contrasto, ma motore della cooperazione».

«Ogni Paese dovrebbe rinunciare ai pregiudizi ideologici e percorrere insieme la via della coesistenza pacifica, dei mutui benefici e dei vantaggi reciproci - chiede infine l'ambasciatore - Nell'era della globalizzazione, gli interessi dei Paesi sono fortemente intrecciati, solo cooperando insieme possiamo affrontare in maniera efficace le sfide comuni, l'unità e la cooperazione sono la strada giusta. La Cina con l'Italia intende continuare nel rispetto, nell'uguaglianza, nella fiducia e nella cooperazione reciprocamente vantaggiosa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA