Circo e animali, il ministro Bonisoli: «É ora di dire davvero basta»

Domenica 16 Dicembre 2018 di Stefania Piras
Animali e circo
«So che il desiderio di molti di voi è che gli animali non vengano più usati negli spettacoli circensi. È un desiderio che condivido anche io e che diventerà realtà nel più breve tempo possibile»​. L'annuncio arriva su Facebook con un post e un video. Il ministro della Cultura Alberto Bonisoli dichiara che sta lavorando con il collega Sergio Costa, ministro dell'Ambiente, per abolire definitivamente l'uso degli animali nei circhi. Una legge-delega in campo ci sarebbe già ma mancano i decreti attuativi. E ora entro il 27 dicembre il Governo è chiamato a dire come e da quando non utilizzare più gli animali nei circhi.

«È una delle mie priorità», ribadisce il ministro che nel video spiega come appena approdato al governo abbia scoperto che non esistono ancora i decreti attuativi per dare corso alle legge che esiste già, quella approvata a inizio novembre del 2017 e che prevede il graduale superamento della presenza degli animali nei circhi e nelle attività dello spettacolo viaggiante. «È vero, esiste già una legge - ammette Bonisoli - ma il governo precedente non ha provveduto a fare i decreti attuativi, ovvero quegli strumenti normativi che permettono a quella legge di diventare operativa. Appena arrivati al governo non abbiamo trovato neanche una bozza. Noi, comunque, ci siamo messi subito al lavoro, ma ci vorrà un po' di tempo. Intanto abbiamo messo in campo una collaborazione tra il Mibac e il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, guidato dall'amico e collega, Sergio Costa, per far sì che gli animali, una volta lasciati i circhi, possano trascorrere il resto della loro vita nel miglior modo possibile e in luoghi idonei. Il mio obiettivo è quello di raggiungere questo risultato nel più breve tempo possibile e i primi passi li stiamo già facendo».  Ultimo aggiornamento: 20:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Animali in fila dal veterinario, l'attesa diventa una mostra

di Marco Pasqua