Green pass, dal Brasile all'India: ecco i Paesi dove non è possibile viaggiare da e per l'Italia

Green pass, dal Brasile all'India: ecco i Paesi dove non è possibile viaggiare da e per l'Italia
4 Minuti di Lettura
Domenica 25 Luglio 2021, 12:58 - Ultimo aggiornamento: 26 Luglio, 10:36

Non solo Green pass. Gli spostamenti dall'Italia verso l'estero (e viceversa) sono disciplinati da un Dpcm e una serie di ordinanze del Ministero della Salute, che dividono gli Stati in cinque categorie, a seconda del rischio epidemiologico che comporta uno spostamento da e verso quel territorio. Gli Stati inseriti nella cosiddetta "lista E" sono quelli considerati a maggior rischio e verso cui gli spostamenti non sono consentiti per turismo, ma solo per comprovate esigenze quali: lavoro, motivi di salute o di studio, assoluta urgenza, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Fra questi spiccano Sri LankaBangladeshBrasile e India, per cui il Ministro della Salute, con varie ordinanze, ha disposto come misura speciale il divieto di ingresso in Italia. 

Green pass, stadio e visite in ospedale: più libertà con il certificato

Le regole per chi arriva

Sul portale "Viaggiare Sicuri" a cura del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale si legge che l'ingresso in Italia è vietato per «tutti coloro che provengono da Brasile, India, Bangladesh o Sri Lanka, o che vi abbiano soggiornato/transitato nei 14 giorni precedenti il tentativo di ingresso in Italia. Tale divieto è stato confermato, per il Brasile, con Ordinanza 14 maggio 2021, in vigore fino al 30 luglio 2021. Per India, Bangladesh e Sri Lanka, la disciplina è contenuta nell’Ordinanza 29 aprile 2021 e nell’Ordinanza 6 maggio 2021, prorogate fino al 30 luglio 2021, con Ordinanza adottata dal Ministro della Salute il 18 giugno». 

Green pass, cosa fanno gli altri Paesi? Obbligatorio in Francia, in Gran Bretagna liberi tutti

L'ingresso in Italia dal Brasile è consentito solo a coloro che abbiano la residenza anagrafica in Italia, a coloro il cui ingresso sia autorizzato dal Ministero della Salute italiano, per inderogabili motivi di necessità, a coloro che debbano raggiungere il domicilio, l’abitazione o la residenza dei figli minori, del coniuge o della parte di unione civile. Per quanto riguarda Sri Lanka, Bangladesh e India l'ingresso in Italia è consentito a coloro che siano cittadini italiani e che abbiano anche la residenza anagrafica in Italia, ai cittadini italiani iscritti nell’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE), o per ragioni umanitarie o sanitarie non differibili, dopo aver ottenuto una autorizzazione espressa del Ministero della Salute italiano.

Per tutti c'è poi l'obbligo di sottoporsi a test molecolare o antigenico condotto a mezzo di tampone, e risultato negativo, nelle quarantotto ore precedenti l’ingresso in Italia; l'obbligo di compilare il necessario formulario digitale (digital Passenger Locator Form) ovvero, in caso di impedimenti, un’autocertificazione; sottoporsi ad ulteriore test molecolare o antigenico, condotto a mezzo di tampone, all’arrivo in Italia, in aeroporto, porto o luogo di confine, ove possibile, oppure entro quarantotto ore dall’ingresso nel territorio nazionale presso l’azienda sanitaria locale di riferimento.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA