Green Pass in scadenza, cosa succede ora? Possibile proroga o terza dose

Green Pass in scadenza, cosa succede ora? Possibile proroga o terza dose
3 Minuti di Lettura
Domenica 22 Agosto 2021, 16:02

Mancano ancora migliaia di medici ed operatori sanitari che a tutt’oggi risultano non vaccinati, anche se la maggior parte dei loro colleghi hanno iniziato già gennaio a ricevere il vaccino e ora si interrogano su cosa accadrà quando a settembre-ottobre scade il Green pass. La validità del lasciapassare è infatti di nove mesi a partire dalla inoculazione della seconda dose e di dodici mesi per coloro che sono guariti dal virus. Quindi ad ottobre, chi si è vaccinato a gennaio, potrebbe ritrovarsi senza Green pass valido a meno che non si decida per una proroga del lasciapassare o che si debba procedere alla terza dose.

Green pass, dalle mense aziendali a stadi e trasporti: ecco dove servirà la certificazione al rientro dalle vacanze

Green pass in scadenza, cosa succede ora?

Per ora non ci sono indicazioni precise e anche il ministero della Salute prende tempo per valutare il da farsi a seconda dell’andamento dei contagi che sinora, proprio grazie ai vaccini, sono contenuti se si escludono le regioni, Sicilia, Sardegna e Calabria, dove le inoculazioni vanno a rilento. 

In attesa della decisione sulla terza dose, è possibile che si proceda con un semplice prolungamento della durata considerando la persistenza degli anticorpi, seppur in misura minore, ben dopo il nono mese.

La decisione si intreccia inevitabilmente con la possibile somministrazione della terza dose che in altri Paesi, Israele in testa, stata già avviata partendo dai sessantenni. Per il richiamo si intende però valutare se procedere con dosi dei già noti vaccini Rna o con i nuovi sieri anti-varianti che le case farmaceutiche stanno mettendo a punto.

Sinora il Comitato Tecnico Scientifico si è espresso in maniera favorevole per i soggetti fragili e immunodepressi, malati oncologici e trapiantati, ma il dibattito è destinato ad ampliarsi a seconda del procedere dei contagi dovuti a varianti.

Nel frattempo l’Oms, più che una terza dose, chiede di spingere per allargare le vaccinazioni ai Paesi che non sono coperti. “ Ci opponiamo fermamente alla terza dose per tutti gli adulti nei paesi ricchi, perché non aiuterà a rallentare la pandemia - sostiene l’esperta dell’Oms Soumaya Swaminathan - togliendo dosi alle persone non vaccinate i booster favoriranno l’emergere di nuove varianti”. 

Il sottosegretario alla Salute Sileri non ha però dubbi: “Credo che la terza dose sia necessaria e noi siamo pronti”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA