GOVERNO

Governo, Salvini attacca dal Viminale: «Mattarella fermi questo mercimonio»

Martedì 27 Agosto 2019
1

La Lega non molla. Matteo Salvini chiede di andare al voto ma continua a corteggiare gli ex alleati. E Alessandro Di Battista, che ogni giorno tira calci ai dem, dà il destro al partito di via Bellerio per inserirsi nella fessura che divide i promessi sposi M5s-Pd. Da una diretta Facebook dai giardini del Viminale, il ministro dell'Interno ribadisce di confidare nel Colle: «Abbiamo fiducia che Mattarella non permetterà questo mercimonio ancora a lungo», dice. erché, spiega, con questa «contrattazione di ministeri e poltrone sembra di tornare ai tempi della Prima Repubblica». O a qualcosa che la Lega considera anche peggiore, perché l'esecutivo «Conte è la riedizione del governo Monti, che preparava la manovra su suggerimento dei suoi amici Merkel e Macron».

Governo, Salvini: «Conte come Monti, dietro di lui Merkel e Macron»
Governo, Toninelli: «Intesa con Pd non semplice, ma impedire il ritorno di Berlusconi»
Trump su Twitter con refuso: «Spero che Giuseppi Conte resti premier». E lui: «Orgoglioso»

Nei giorni scorsi, il ministro all'Agricoltura Gian Marco Centinaio ha ribadito che le porte della Lega per i Cinque Stelle sono sempre aperte e che l'ipotesi di Di Maio a Palazzo Chigi è sul tavolo. Un'offerta cascata in mezzo alla polemica del Pd, che accusa il viceministro pentastellato di inseguire solo l'ambizione personale e pretendere poltrone di peso. In questo scenario, un post di Di Battista è stato per la Lega come un venticello fresco a fine agosto. «In questi giorni - ha attaccato Di Battista - non ho sentito nessuno del Pd pronunciarsi» su temi che stanno a cuore all'elettorato pentastellato, come la revoca delle concessioni autostradali ai Benetton e la Legge sul conflitto di interessi. Il capogruppo della Lega al Senato, Massimiliano Romeo, ha subito raccolto il guanto: «Taglio dei parlamentari, revoca delle concessioni autostradali a chi è inadempiente, contrasto alle lobby, da Bibbiano ai banchieri corrotti: la Lega c'era, c'è e ci sarà». Anche i toni concilianti di Salvini verso Di Maio danno il senso del clima. Niente parole rudi, niente accuse. Anzi. Il leader Cinque Stelle sembra esente pure dalle accuse di «mercimonio». Se, qualche giorno fa, Salvini ha detto che Di Maio «ha lavorato bene», ora risponde con una battuta a chi gli ricorda che sembra puntare al Viminale: «Sono pronto a dargli consigli».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi