GOVERNO

M5S nel caos, Di Maio resiste: decisiva la conta su Rousseau

Mercoledì 28 Agosto 2019 di Simone Canettieri
M5S nel caos, Di Maio resiste: decisiva la conta su Rousseau

C'è una dichiarazione - a prima vista banale - che racconta il caos dentro il M5S. «Il nostro capo politico è Luigi Di Maio e si parla con lui, ora stiamo andando a confrontarci con lui», dicono all'unisono i capigruppo Francesco D'Uva e Stefano Patuanelli. Parole che colgono il senso della giornata: la leadership del capo politico dei grillini è offuscata da quella di Giuseppe Conte. Zingaretti considera il premier il vero interlocutore del M5S. Il cortocircuito scatta in mattinata quando Di Maio fa saltare la riunione con i vertici del Pd.

LEGGI ANCHE Sfida di Di Maio, governo in salita

Il nodo sono il Viminale e il ruolo di vicepremier che lui vuole per sé. Inizia una moral suasion a varia intensità sul capo politico dei grillini. Roberto Fico si mette all'opera spiegando che dal punto della grammatica istituzionale la concentrazione di queste deleghe è un pugno in un occhio, poi escono dichiarazioni di fuoco di Roberta Lombardi («Luigi al Viminale? Sono certa che non anteporrà se stesso al Paese») e soprattutto di Carla Ruocco: «Concentriamoci sui temi e lasciamo la trattativa al buonsenso del presidente del Consiglio».
 

VIRATA
Di Maio, chiuso per tutta la giornata a Palazzo Chigi dove si fa arrivare anche il pranzo, non molla sul ruolo di vicepremier: «Non mi muovo da questa posizione, rimango il capo politico». Alla corte di Di Maio ci sono Vincenzo Spadafora, Stefano Buffagni e un manipolo di fedelissimi. Si cerca di evitare ulteriori cortocircuiti: lo staff della comunicazione di Giuseppe Conte si coordina con quello di Di Maio per far trapelare che non c'è stata alcuna richiesta sul Viminale. La pancia del M5S dice il contrario. Ma è appunto l'intervento del premier che fa testo, soprattutto dopo la telefonata con Zingaretti, e fa decollare di nuovo la trattativa. Da qui una nuova virata: adesso la casella rincorsa per quello che fino a poco tempo fa era il capo indiscusso dei grillini è quella del ministero della Difesa, presidiato in maniera militare, è proprio il caso di dirlo, da Elisabetta Trenta.

Si gioca su tanti tavoli. E soprattutto il partito di Conte dentro il M5S inizia ad avere un certo spessore. Ci lavorano in molti. A partire dai parlamentari che partecipano in serata all'assemblea congiunta. Di Maio non c'è. I messaggi che arrivano dalla riunione, richiesta dalla minoranza che guarda a Fico, è chiara: «Questa volta non dobbiamo commettere gli errori del passato, cioè con Salvini». Ecco perché nella lista dei papabili ministri M5S inizia a prendere quota anche il ruolo degli ortodossi, a partire da Nicola Morra.

Ma il caos è tanto è anche le uscite di Alessandro Di Battista servono a destabilizzare un quadro già precario. L'ex parlamentare nel bel mezzo delle trattative, con un post su Facebook, torna ad attaccare sulla revoca delle concessioni ai Benetton. E ottiene un'unica risposta, quella del capogruppo della Lega Massimiliano Romeo: «Noi ci siamo quando volete». Un tentativo estremo che non sortisce effetti. Ma sono una decina i parlamentari che storcono il naso davanti al governo giallorosso. Non c'è solo il senatore Gianluigi Paragone ad annunciare che «non voterò la fiducia e mi dimetterò per tornare al mio lavoro».

Sono dieci infatti, almeno così vengono calcolati, i deputati e senatori che sono pronti a uno strappo. Quello più clamoroso arriva ancora una volta da Beppe Grillo, autore di un post come sempre criptico che in una conversazione con Dio manda messaggi a Di Maio. Dopo aver disertato la riunione dei vertici con Davide Casaleggio tuona dal blog con un affondo che viene interpretato come una violenta reprimenda nei confronti di «Luigi» e una sorta di nuovo passo di lato: «Dio mi ha detto, lasciali alla loro Babele». L'annuncio di una ritirata dopo però aver portato a termine la missione del Conte bis che, in un modo o nell'altro, è destinata a mutare la natura del M5S.

In questo caos, anche la votazione degli iscritti su Rousseau diventa un macigno sulla trattativa. Alle 22.40 mette tutto di nuovo in dubbio. Il voto sulla piattaforma è previsto «entro la prossima settimana». Zampata di Di Maio: «Gli iscritti avranno l'ultima parola». Con tanti saluti alla prassi costituzionale.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi