CRISI DI GOVERNO

Governo, Di Maio alza la posta: «Programma M5S o voto». Ira Pd, sale lo spread. Conte media, ma è alta tensione

Venerdì 30 Agosto 2019
3
Governo, Di Maio alza la posta: «Programma M5S o voto». Ira Pd, sale lo spread. Conte media, ma è alta tensione

All'ora di pranzo la strada per un accordo di governo Pd-M5S sembra in discesa, ma nel giro di mezz'ora si torna sulle montagne russe. È Luigi Di Maio ad alzare il tiro: «O siamo d'accordo a realizzare i punti del nostro programma o non si va avanti». Anzi, aggiunge: «Altrimenti, meglio il voto». Così il leader dei Cinque stelle gela i quasi alleati del Pd, uscendo dall'incontro con il premier incaricato Giuseppe Conte, l'ultimo delle consultazioni a Montecitorio. I Democratici, prima si confrontano increduli, poi replicano con durezza: niente diktat e minacce.

Salvini e Berlusconi sempre più lontani. Il Cav si smarca: «Italia regalata alla sinistra»
 

Il più netto è il segretario Nicola Zingaretti: «Basta con gli ultimatum inaccettabili o non si va da nessuna parte». E ricorda su Twitter: «patti chiari, amicizia lunga». Altissima tensione quindi, tanto che viene annullato un vertice (tenuto segreto) tra lo stesso Zingaretti e Di Maio che era previsto per le 15. In pochi minuti la tensione schizza, il governo giallorosso è di nuovo in alto mare e sale pure lo spread (il picco a 176 punti, chiude la giornata a 170) mentre la Borsa scende (l'indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,35%).

 

  

Dl sicurezza, Zingaretti: «Recepire i rilievi del Presidente della Repubblica»

In serata è Conte, che dopo un incontro veloce con il Papa ai funerali del cardinale Achille Silvestrini, prova a mettere pace. Lo fa in una nuova riunione a Palazzo Chigi con i due partiti (senza i leader) e rinviando a un'altra in mattinata, per lavorare sul programma. Proprio lì, almeno ufficialmente, si è incagliata di nuovo la trattativa. In particolare si profila lo scontro sui decreti sicurezza. Zingaretti, mezz'ora prima di Maio, riferisce ai giornalisti di aver proposto a Conte che su quei decreti fortemente voluti dalla Lega e benedetti col voto dai 5S, si va «almeno» verso «il recepimento delle indicazioni del presidente della Repubblica.

Di Maio, i 20 punti a Conte: «No a inceneritori e trivelle, sì alla eco-innovazione»

Rilievi su più punti e di peso, da parte del Colle, su cui anche il Movimento apre. Ma «senza modificare la ratio di quei provvedimenti», aggiunge Di Maio scatenando le polemiche. In ogni caso per il M5s, un eventuale accordo di governo prevede come «imprescindibili» i propri punti programmatici, ora per di più raddoppiati: dai 10 annunciati al Quirinale ai 20 proposti nella sala dei Busti al presidente incaricato. Sono i paletti intorno ai quali potrebbe nascere un Conte bis. Su questo Di Maio calibra la grammatica e i tempi verbali: «Uso il condizionale perché, in qualità di capo politico, siamo stati molto chiari: o siamo d'accordo a realizzare i punti del nostro programma o non si va avanti», insiste. Che sia lui, ancora, il leader del Movimento, lo ripete una seconda volta quando ricorda che «da capo politico ha rinunciato 2 volte a fare il premier» e riconoscendo invece all'avvocato del popolo il ruolo di «super partes».

Sondaggi governo: cresce fiducia per Conte, cala Salvini. Lega 31%, Pd 22%, M5S 18%, Fdi 8%
 


Infine invoca le stesse parole usate da Conte accettando l'incarico con riserva al Quirinale: «Non è momento degli attacchi ma del coraggio e ne servirà tanto». Ma i sospetti dei Dem in chiave anti M5s riprendono fiato e si moltiplicano. Anche sui decreti sicurezza. Non vanno rivisti? «Secondo me vanno abrogati», tuona su Facebook il deputato Matteo Orfini. Gli fa eco Nicola Fratoianni di Liberi e uguali, convinto che «andrebbero abrogati perche assai difficilmente si può rintracciare qualsiasi elemento di razionalità all'interno». Passano le ore e dal Movimento i toni si placano, fino quasi a rinnegare l'idea che vogliano far saltare il banco: «Cambio idea? Chiedere di abbassare le tasse significa cambiare idea? - scrivono in una nota - Ribadiamo: contano le soluzioni, non le poltrone. E qui il punto è un altro: noi vogliamo cambiare veramente il Paese».

Il Pd non si fida fino in fondo e in una nota il partito del Nazareno rilancia chiedendo «un chiarimento sulle dichiarazioni di Luigi Di Maio, al termine delle consultazioni». Siano «precondizione per proseguire nel percorso avviato negli scorsi giorni». E la partita continua. Il premier incaricato Giuseppe Conte, forte dell'investitura del Colle, per ora tiene la barra dritta e procede in autonomia.

Ultimo aggiornamento: 31 Agosto, 00:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani