GIUSEPPE CONTE

Conte: «Non temo di cadere, ora è urgente agire in fretta»

Sunday 7 June 2020
Conte: «Non temo di cadere, ora è urgente agire in fretta»

«Non mi pare di essere accerchiato più di quanto lo fossi nella prima fase. In tutti questi mesi ho sentito dire in continuazione: Conte cade, Conte cade. Fa parte del gioco, ho imparato a non meravigliarmi. Ma come si vede e si vedrà, non è così». Lo assicura il premier Giuseppe Conte in un colloquio in apertura di prima pagina del Corriere della Sera, in cui evidenzia l'urgenza di agire in fretta.

Decreto Scuola, ok della Camera: 245 sì, il provvedimento è legge. Azzolina: «Ora le linee guida per settembre»

Tensione nel governo sugli Stati generali che slittano a giovedì

«Non possiamo ritardare il confronto con imprenditori, sindacati, categorie. L'urgenza non nasce da un mio capriccio ma dalla realtà che preme. Bisogna muoversi da subito», dichiara Conte. «Sento dire che occorre farlo con calma. Ma quale calma? Ci prendiamo qualche giorno per coinvolgere appieno le forze di maggioranza, e lo facciamo. Poi chiamiamolo patto, chiamiamolo confronto. Ma non va rimandato».

Conte si definisce una persona «che non riesce a lavorare senza una strategia. E quella sulla fase del dopo-virus - spiega - avevo cominciato a prepararla già durante l'emergenza». In merito alle tensioni nella maggioranza, «la verità è che quando si arriva alla sostanza delle cose, asciugandole dalle polemiche, ci si rende conto che questa maggioranza è composta da partiti responsabili, che capiscono bene quali siano le priorità del Paese», dice il presidente del Consiglio. «Il clima è migliore di quello che sembra. E anche alcune perplessità del Pd sono rientrate», prosegue Conte.

Quanto al ministro dell'Economia Gualtieri, «ha sempre condiviso tutto con me e insieme a me. Come premier non scavalco nessuno».

 

Ultimo aggiornamento: 11:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani