Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giuliano Amato premier fino alle elezioni? Spunta l'ipotesi traghettatore: ecco chi è il "dottor Sottile"

Evocato, pare, da Massimo D'Alema (che però ha smentito ogni attivismo in questa fase), Amato sarebbe indicato come una delle figure istituzionali in grado di traghettare il Paese verso nuove elezioni

Amato premier fino alle elezioni? Spunta l'ipotesi traghettatore: ecco chi è il "dottor Sottile"
di Andrea Bulleri
3 Minuti di Lettura
Giovedì 14 Luglio 2022, 14:55 - Ultimo aggiornamento: 20:23

Rieccolo. Quando il gioco politico si complica, ecco che le riserve della Repubblica scendono in campo. Evocate, sondate, a volte perfino tirate per la giacchetta da chi le vorrebbe in partita per risolvere i problemi che le squadre in campo non sono più in grado di gestire. È in questo quadro che oggi, con il governo di Mario Draghi appeso a un filo, si torna a fare il nome di Giuliano Amato. Evocato, pare, da Massimo D'Alema (che però ha smentito ogni attivismo in questa fase). E indicato come una delle figure istituzionali in grado di traghettare il Paese verso nuove elezioni, qualora il premier dovesse dimettersi nelle prossime ore. 

L'appello di Matteo Renzi a Draghi: «Continui a fare il premier, serve all'Italia». Ai grillini: «se non votano la fiducia, firmino le dimissioni dei ministri»

Sempreverde

È la sempreverde "ipotesi Amato": "Chi meglio di lui?", pare sia stato il ragionamento. Parole che nei confronti dell'attuale presidente della Corte Costituzionale (il suo mandato scadrà a settembre) vengono spese a cadenza regolare. L'ultima volta solo sette mesi fa, quando il nome del "Dottor Sottile" fu tirato in ballo come una delle opzioni più credibili per la presidenza della Repubblica. 

Lui, Amato, deve averci fatto ormai l'abitudine. Molti l'hanno soprannominato il "Rieccolo della seconda Repubblica", sulla falsariga del nomignolo che ai tempi della Dc fu affibbiato ad Amintore Fanfani. Ottantaquattro anni, giurista, politico, accademico, vanta un curriculum ultra-cinquantennale. Prima nel partito Socialista, poi nel Pd, poi da indipendente. Due volte premier, prima nel '92-'93, nei giorni del crollo della prima Repubblica sotto i colpi di Tangentopoli. Un esecutivo passato alla storia (suo malgrado) anche per il prelievo forzoso del sei per mille sui conti correnti. Poi di nuovo ("rieccolo") nel 2000, dopo le dimissioni dal governo di Massimo D'Alema. 

 

La carriera

Ma la carriera di Amato sarebbe stata ancora lunga. Ministro dell'interno nell'esecutivo Prodi II, nel 2006 (dopo aver già guidato per due volte i dicasteri del Tesoro e poi quello delle riforme istituzionali). E poi giudice costituzionale, vicepresidente della Consulta e infine, dallo scorso gennaio, presidente della Corte Costituzionale. Intanto, più o meno ogni sette anni, il suo è tra i primi nomi che si spendono per il Colle. E' stato così nel 2022, e prima ancora nel 2013, all'epoca della rielezione di Napolitano. Alla fine, per la presidenza della Repubblica la strada per Amato si è fatta in salita. Per la terza volta a Palazzo Chigi, chissà. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA