Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il ministro Buongiorno ospite della Latella: «Sintesi finale sulla Tav la prossima settimana»

Il ministro Buongiorno ospite della Latella: «Sintesi finale sulla Tav la prossima settimana»
2 Minuti di Lettura
Sabato 2 Marzo 2019, 16:30 - Ultimo aggiornamento: 18:47

«Sulla Tav ci sono sensibilità diverse tra Lega e Cinque Stelle. La prossima settimana faremo una sintesi finale. Sono fiduciosa». Lo afferma il ministro della Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, ospite a «L'intervista» di Maria Latella su Sky TG24. «La Lega ci tiene molto - continua il Ministro - ma il progetto dovrà essere rivisto. Il Governo prenderà una decisione politica e non tecnica solo sull'analisi dei costi-benefici. Sui quotidiani si prevedono spaccature politiche tutti i giorni. È vero che si parla di Tav da mesi, ma il traguardo è vicino. Troveremo una sintesi».

E sulle nomine il Ministro spiega: «Nessuna tensione nel governo al riguardo. Smentisco le ricostruzioni di alcuni giornali. Ci sono due forze politiche diverse e anche visioni diverse anche sulle nomine. Ma di nomine se ne parla più sui giornali che nel governo».

«Le autonomie possono essere un'opportunità per tutti», ha poi chiarito la Bongiorno. E ha aggiunto: «Penso che il maggiore problema italiano sia quello delle spaccature: ti do potere e ti do la possibilità di far vedere quanto vali. Io penso che le Regioni risponderanno bene».

Legittima difesa. «Sappia chi entra a casa altrui per violentare, rubare o commettere un reato che la persona può difendersi e quindi può respingerla. Non è una licenza di uccidere. Sono sorpresa di alcune correnti che esprimono giudizi su fare o non fare le leggi. Spetta al parlamento farle o no! Si può contestare il merito e non se si può fare o no».

© RIPRODUZIONE RISERVATA